Lavorare in Atm? In questo momento sono numerose le offerte di lavoro della Azienda Trasporti Milanese e le posizioni aperte nella società pubblica di proprietà del Comune di Milano che si occupa della gestione del trasporto pubblico nel capoluogo e in ben 51 Comuni della Provincia, occupandosi di metropolitana, autobus, filobus, tram, navette, di parcheggi e del sistema di sosta e pagamenti SostaMilano, di varie attività commerciali, della funicolare Como – Brunate e dei servizi di car sharing e bike sharing GuidaMi e BikeMi.
Allo stato attuale Atm trasporta ogni giorno due milioni di clienti e impiega oltre 9.200 dipendenti, un numero destinato ad aumentare grazie alle nuove offerte di lavoro Atm, rivolte anche a giovani alla loro prima esperienza lavorativa, che potranno essere inseriti tramite stage e tirocini.

In genere per lavorare in Atm è necessario essere diplomati o laureati ed è preferibile, ma non obbligatorio, essere in possesso dei requisiti di cui all’art. 1 legge 68/99 o appartenenti alle categorie protette di cui all’art. 18 legge 68/99.

Le figure professionali impiegate in Atm sono le più diverse, basti pensare che in azienda ci sono circa 120 ruoli differenti, distinti in personale di bordo e di terra, suddivisi in aree aziendali come, ad esempio, ingegneria dei rotabili, rete commerciale, risorse umane, logistica, settore legale, esercizio, impianti fissi e sistemi, patrimonio e affari generali e molte altre ancora.
Le posizioni aperte nell’Agenzia Trasporti Milanese in questo momento, per chi desidera lavorare in Atm, sono diverse,per assunzioni a Milano e provincia con orari di lavoro sia full time che part time.
Al momento si ricercano Operai Manutenzione Operativa, Ausiliari per la Mobilità, Addetti Sicurezza, Conducenti di Linea, Addetti alla Sicurezza Individuale, Tecnici di Progettazione, Operatori di Magazzino, Conducenti per Atm Servizi Diversificati, Tecnici Elettromeccanici dei sistemi di alimentazione, Tecnici di Manutezione Sistemi di Teleoperazioni, Tecnici di Manutenzione Impianti e Sistemi Fissi di Metropolitana, Tecnici Impianti di Trazione, Tecnici Impianti di Segnalamento Ferroviario e giovani professionisti, laureati preferibilmente in Giurisprudenza, Scienze della Comunicazione, Scienze Politiche, Filosofia ed Economia e Commercio, con un buona conoscenza dei principali applicativi di Office e della lingua inglese.

L’ambiente di lavoro è molto stimolante e la politica per quanto riguarda le risorse umane dell’azienda è quella di valorizzare e promuovere i talenti secondo i principi di meritocrazia, leadership e lavoro di squadra.
Questo si concretizza anche in una particolare attenzione alla formazione dei propri collaboratori,offrendo loro percorsi formativi ad hoc per ogni ruolo, perché ognuno possa arricchire e aggiornare costantemente le proprie competenze professionali. Proprio in questa ottica nel 1999 è stato creato Campus ATM, un centro di formazione e orientamento al lavoro accreditato alla Regione Lombardia che si occupa di erogare attività di orientamento e di formazione. Espressioni Giovani, invece, è un’altra iniziativa di Atm dedicata ai neo laureati: si tratta di un percorso do formazione on the job e tutorship finalizzato all’assunzione per lavorare in Atm.

Ai suoi fortunati dipendenti Atm offre anche misure di welfare aziendale, come ad esempio asili nido aziendali, iniziative di promozione alla salute e servizi sociali ai dipendenti, oltre a benefit aziendali come sconti sugli abbonamenti ai mezzi di trasporto, fondi pensionistici e polizze infortuni, prestiti, mutui, borse di studio, assistenza fiscale gratuita, mensa aziendale, ingressi a musei, biglietti per spettacoli teatrali e molto altro ancora.

Per lavorare in Atm il modo migliore per candidarsi è attraverso il portale Atm lavora con noi, su cui si possono consultare le offerte di lavoro costantemente aggiornate, registrare il proprio curriculum vitae in risposta agli annunci di lavoro oppure inviare una candidatura spontanea.

Dopo una prima valutazione dei curricula pervenuti online, i candidati ritenuti più adatti a ricoprirel posizioni aperte vengono contattati per una prima intervista attitudinale e motivazionale, a cui seguono colloqui tecnici, prove pratiche e visite mediche; insomma, un iter di selezione complesso che, valutazione dopo valutazione, porta alla proposta contrattuale.



NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO