Short On Work

In questa epoca caratterizzata da un continuo cambiamento anche il lavoro è in costante evoluzione. In che modo è cambiato negli ultimi decenni e quanto sta cambiando ancora il lavoro contemporaneo?

Un cambiamento che in molti hanno provato e stanno provando sulla propria pelle vivendo trasformazioni professionali in molti contesti lavorativi.  Alla domanda si può cercare di rispondere partecipando a Short on Work, seconda edizione 2013 del Concorso internazionale di documentari brevi sul lavoro, ideato e promosso dalla Fondazione Marco Biagi – Scuola Internazionale di Dottorato in Relazioni di Lavoro dell’Università di Modena e Reggio Emilia.

La partecipazione è gratuita con opere audiovisive, di durata non superiore ai 10 minuti e con un taglio documentaristico, che abbiano finalità di ricerca, inchiesta, auto rappresentazione e riflessione sulla situazione attuale e sulla direzione in cui il lavoro si sta muovendo. Lo scopo del concorso è quello di selezionare e promuovere i migliori documentari che favoriscano una ricerca interdisciplinare nell’ambito del lavoro contemporaneo per creare un archivio audiovisivo internazionale.

Il premio per il miglior “corto” documentaristico sarà di 4.000 euro mentre il secondo classificato riceverà 1.000 euro. La Giuria sarà internazionale e composta da professionisti e studiosi del settore audiovisivo e delle problematiche che sono connesse al tema del lavoro. Assegneranno i premi valutando una selezione di opere partecipanti che sarà elaborata a cura della Direzione del Concorso, la quale si riserva il diritto di assegnare o non assegnare i premi e anche quello di riconoscere menzioni speciali ad opere particolarmente meritevoli in aggiunta alle prime due classificate.

Potranno partecipare professionisti e non del settore audiovisivo da qualsiasi parte del mondo e le opere potranno essere realizzate in qualsiasi lingua purché con i sottotitoli in inglese. La produzione dei documentari sociali in concorso dovrà essere l’espressione di novità contenutistiche (le più importanti trasformazioni che hanno caratterizzato il lavoro nel corso degli ultimi decenni viste in un’ottica nuova e plurale, anzi mondiale) e di novità tecniche (strumenti di ripresa video, tecniche del montaggio ecc.).

La data entro la quale si può partecipare inviando la propria opera è fissata al 30 Giugno 2013. Per prendere parte alla selezione andrà compilata una scheda di iscrizione sul sito www.shortonwork.org/ ed inviata l’opera da far pervenire in due copie DVD accompagnate da fotografie di scena, una breve sinossi redatta in lingua inglese e un curriculum dell’autore (o degli autori) sempre in lingua inglese.

La data della cerimonia di premiazione sarà comunicata con anticipo ed è comunque prevista nel mese di Settembre 2013 presso l’Auditorium della Fondazione Marco Biagi. L’assegnazione dei premi sarà preceduta dalla proiezione di una selezione di documentari partecipanti al concorso e l’evento sarà arricchito da iniziative collaterali per celebrare il video come strumento di ricerca interdisciplinare sul tema del lavoro.

In merito all’utilizzazione delle opere inviate, i registi, gli autori e comunque i titolari dei diritti autorizzeranno la Direzione del Concorso alla proiezione durante la cerimonia di premiazione e in occasione di iniziative correlate, nonché alla raccolta di quelle selezionate all’interno di un DVD promozionale del contest che sarà utilizzato nelle scuole, nelle università, nei centri culturali e nelle biblioteche senza alcuno scopo di lucro, ma solo a fini didattici e di ricerca sul lavoro contemporaneo.

Per favorire una maggiore diffusione delle opere, oltre ad essere conservate nell’archivio audiovisivo internazionale della Fondazione, la Direzione del Concorso le inserirà anche in un archivio audiovisivo online. Ogni opera sarà fruibile, ma non scaricabile, visitando il sito di Short on Work o altri siti istituzionali che condividano le finalità della Fondazione Marco Biagi e gli obiettivi del concorso.

 

Riccarda Patelli

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here