MENU
POTENZIA
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
whiteBorder
POTENZIA
Bando Torno Subito 2019: una grande opportunità per i giovani del Lazio
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Bando Torno Subito 2019: una grande opportunità per i giovani del Lazio
Giovani del Lazio alla ricerca di lavoro, prendete carta e penna, perché è pronta l’occasione per voi. È finalmente uscito il bando 2019 di Torno Subito. L’opportunità di inserirsi nel mondo dei colletti bianchi, per far colpo sui genitori della vostra cotta del momento e per mettere in pace il cuore delle mamme. Il programma organizzato dalla Regione Lazio, ha un obiettivo sulla carta molto ambizioso. Soprattutto considerate le notizie allarmiste sulla disoccupazione giovanile con cui veniamo bombardati ogni giorno su tutti i media.

In che cosa consiste questo concorso miracoloso?

Migliorare e dare valore al vostro know-how e all’expertise dei giovani d’oggi. E non ci si ferma qui: una volta formati, il passo successivo prevede un’integrazione delle nuove risorse all’interno della rete produttiva della regione.

Si tratta di una interessante opportunità per i giovani, che potranno studiare e lavorare sia in Italia che all’estero. Ed è prevista l’attivazione di percorsi formativi gratuiti e stage retribuiti.

Occhio al calendario!

Perché per questi concorsi il rispetto delle scadenze è fondamentale: le candidature devono essere inviate entro il 21 giugno. Quindi: #savethedate. Ma, siccome la burocrazia è spietata, oltre il giorno esistono ulteriori condizioni imprescindibili: le domande per partecipare devono ovviamente esser complete degli allegati richiesti dal bando.

E possono essere presentate, secondo le modalità indicate nello stesso, fino alle ore 12.00 del 21 giugno 2019. Come? Compilando l’apposito formulario online raggiungibile dal portale web dedicato all’iniziativa, attraverso l’area riservata al bando 2019. Da qui, è possibile anche scaricare la documentazione completa e gli allegati.

Ma le cose da appuntarsi non finiscono qui

Un altro punto su cui far attenzione: la registrazione degli account è diventata accessibile dalle 12:00 del 6 maggio.

E se ho problemi?

Se, come sembra fisiologico in queste faccende, doveste aver difficoltà di carattere tecnico, di registrazione o di compilazione, esiste anche un piano anti panico: potrete utilizzare la mail apposita per assistere gli Indiana Jones dei bandi: [email protected]

Per ogni dubbio ci sono anche i contatti telefonici per rivolgersi all’assistenza tecnica. Infine, è stata creata anche una pagina che raccoglie le FAQ. Se poi tutto va male e avete perso il telefono, vi hanno derubato e piove… è possibile anche andare direttamente negli uffici di front office durante l’orario di ricevimento.

Infine, a breve sarà disponibile il calendario degli incontri previsti per approfondire il bando, tenuti presso tutte le sedi Porta Futuro Lazio e non solo.

A chi si rivolge Tornosubito?

Questo super bando 2019 propone corsi di formazione e tirocini per studenti, diplomati e laureati del Lazio. Ovviamente esiste una lista a cui si rivolge con esattezza il concorso. E quindi, chi saranno gli “eletti” che potranno proporsi per attivare i corsi gratuiti, i tirocini retribuiti?

Ecco il listone dei requisiti necessari per candidarsi:

– cittadinanza italiana o straniera;

– residenza nella Regione Lazio da almeno 6 mesi;

– età compresa tra i 18 e i 35 anni;

– stato di disoccupazione o inoccupazione;

– essere studenti universitari o laureati, oppure studenti e diplomati delle scuole ad alta specializzazione tecnologica riconosciute come Istituti Tecnici Superiori. Sono ammesse anche le candidature di altri diplomati. Ma solo per progetti relativi agli ambiti delle professioni del cinema e delle professioni della cucina e dell’enogastronomia.

Mentre, per i progetti relativi a queste ultime categorie occorre aver concluso, negli anni 2016, 2017, 2018, il percorso triennale di IeFP (Istruzione e Formazione Professionale) – ‘Operatore addetto alla ristorazione’ – indirizzo ‘Preparazione pasti’ ed indirizzo ‘Servizi sala e bar’, realizzato presso istituti con sede in regione Lazio.

Torno Subito: una realtà che costruisce la via individuale negli enti di formazione

Il percorso che porta all’interno delle dinamiche organizzative della regione Lazio sta aspettando solo i coraggiosi che hanno voglia e tempo di occuparsi di tutte le pratiche per la candidatura. La promessa è che, una volta superata la temuta parte burocratica, il resto è in discesa.

Torno Subito è un progetto della Regione Lazio che intende migliorare l’apprendimento e favorire l’inserimento lavorativo di disoccupati ed inoccupati fino a 35 anni, finanziando corsi gratuiti e tirocini retribuiti per ragazzi residenti nel territorio regionale.

Non è la prima volta che Torno Subito prende vita

Questa è già la seconda edizione ed è rassicurante pensare che sia un bando già collaudato. Alcune info per chi è goloso di dettagli: il concorso è cofinanziato dal Fondo Sociale Europeo, all’interno dell’ambito della programmazione 2014 – 2020. Dietro la sua realizzazione, sono stati stanziati ben 13 milioni e mezzo di Euro. Una somma tutta a supporto dei giovani che parteciperanno e dar loro la possibilità finalmente di uscire dal tunnel della “prima esperienza”. Ecco qua, servita per chi ha bisogno di iniziare a farsela, l’opportunità di formarsi non solo in Italia, ma anche oltre i confini nazionali.

Ci sono due fasi interne al bando

Infatti è necessario riferirsi a delle linee guida specifiche. Ancora un po’ di pazienza, ma quando si parla di burocrazia è necessario esser schematici. Vedetela così: superare questa prova fa parte della formazione per esser i super professionisti del domani.

Ecco le due opzioni: Linea progettuale 1-Torno Subito Formazione. Per frequentare un corso di alta formazione oppure un master al di fuori della regione Lazio. Richiede un’investimento di tempo ed energie che va da 1 a 6 mesi.

E poi la Linea progettuale 2-Torno Subito Work Experience: che offre un’esperienza dentro il magico mondo del lavoro (stage o training on the job) della durata di 3 sino a 6 mesi.

Entrambi i percorsi prevedono al loro interno una seconda fase da sviluppare dentro i confini regionali del Lazio: può essere un’attività lavorativa presso enti o aziende; oppure esiste l’alternativa del fablab, a patto che ci sia dietro un progetto di autoimprenditorialità.

Spieghiamoci meglio

La prima fase avviene quindi fuori dai confini regionali e si svolge nelle altre aree fuori dal Lazio, arrivando a coinvolgere anche i Paesi europei ed extra Ue. Questo passaggio ha come scopo finale quello di diventare un professionista a tutto tondo: via libera all’apprendimento. Promosso lo spirito da secchione, devoto all’apprendimento di conoscenze, competenze e nuove skills.

La parola d’ordine è formazione: attraverso diverse attività e prove sul campo. Sarà il momento per dare il massimo attraverso stage, training on the job, ospitati presso le università o l’ente di ricerca, organizzazione pubblica o privata, che è stata scelta in quanto partner durante la presentazione della domanda.

Ed eccoci giunti, dopo le 12 fatiche, alla fase due

Si torna alle origini: infatti, questo seconda parentesi si svolgerà obbligatoriamente nella regione Lazio. Quindi si rifanno i bagagli per tornare a casa e prepararsi ad entrare nel vivo del mondo del lavoro. In seguito alla palestra del periodo successivo, il gioco si fa duro e, ormai adulti, ci si getta nella mischia: previsti percorsi di work eperience o di affiancamento all’autoimprenditorialità, muovendosi dentro un determinato soggetto ospitante o partner.

Chi sono questi misteriosi “soggetti ospitanti”

Sono delle civiltà aliene in attesa di cavie da studiare? Niente affatto. Anche stavolta parliamo di università, enti di ricerca, organizzazioni pubbliche o private (e queste le avevamo già elencate qualche riga più su) e poi anche realtà profit o no profit. L’importante è che siano state individuate sempre nel momento in cui è stata presentata la candidatura.  Per non lasciare niente al caso, il “soggetto ospitante” può anche tradursi in un coworking, nell’eventualità in cui il progetto abbia un carattere autoimprenditoriale.

Ma come funziona Torno Subito?

Questo piano di formazione professionale ha previsto il finanziamento per laureati, diplomati e studenti – punto a suo favore considerando che spesso questi bandi non prevedono che le persone possano aver bisogno di cibo e soldi per fare la spesa -.

Quindi non solo pagano, ma ti fanno imparare qualcosa: cosa volete di più?

Ma per essere ancora più pignoli: Torno Subito 2019 mette a disposizione contributi economici per sovvenzionare le seguenti spese:

– acquisto di corsi di formazione o master, fino ad un massimo di 3.500 Euro per corsi di durata da 1 a 3 mesi, e di 7.000 Euro per corsi di durata superiore a 3 mesi;

– rimborso forfettario mensile delle spese di vitto, alloggio e viaggio come indicato nei costi standard;

– indennità di 800 Euro lordi mensili per le work experience fuori dal territorio della regione Lazio;

– polizza fideiussoria fino al 3% dell’importo garantito rilasciata da banche, assicurazioni o da intermediari finanziari;

– servizi di assistenza e accompagnamento, sino ad un massimo di € 8.000 euro per persone con comprovata disabilità da documentare a costi reali;

– eventuale polizza sanitaria, fino a 500 Euro, per le esperienze in Paesi extra europei;

– indennità mensile, per esperienza in ambito lavorativo svolte nella regione Lazio, pari ad un importo massimo di 800 euro lordi;

– per chi svolge attività presso un coworking, indennità mensile per le attività di accompagnamento all’autoimprenditorialità, pari ad un importo massimo di 800 €.

Insomma, siete pronti a dare un boost al vostro percorso professionale?

Simonetta Spissu

STANNO CERCANDO TE!
LIBRI CONSIGLIATI

Questo articolo ti è stato utile?

Clicca sulle stelle per valutare l'articolo!

Siamo spiacenti che questo articolo non sia stato utile per te!

Con il tuo aiuto possiamo migliorarlo.