Se un periodo di studio all’estero è nei tuoi programmi futuri, le borse di studio offerte dall’Inps per 1.250 soggiorni scolastici all’estero ti interesseranno di sicuro.

Queste sovvenzioni per soggiorni di studio all’estero per l’anno scolastico 2018 – 2019 rientrano nell’ambito del Programma Itaca e sono riservate a studenti della scuola di secondo grado, che potranno così trascorrere un trimestre, un semestre o un intero anno scolastico in un Paese europeo o extra europeo, un’esperienza di sicuro molto formativa sia dal punto di vista professionale che da quello personale e un buon biglietto da visita per un futuro ingresso nel mondo del lavoro.
Cominciamo dalle borse di studio Inps che permetteranno a 270 studenti di trascorrere un intero anno scolastico in Europa e ad altri 310 studenti di studiare per il medesimo periodo di tempo in un Paese Extra europeo. A questo proposito per ogni studente verranno stanziati 12 mila euro per le borse di studio Inps in Europa e 15 mila per quelle extra europee, fondi che copriranno le spese relative al college o alla residenza scolastica, il vitto e l’alloggio presso famiglie del luogo, i costi di una eventuale mensa scolastica, il viaggio di andata e ritorno e le spese per i trasporti pubblici locali. Le medesime condizioni saranno applicate per le 450 borse di studio semestrali e le 200 trimestrali, per le quali saranno stanziati rispettivamente tra i 9 e i 12 mila euro e tra i 6 e i 9 mila euro.

Per candidarsi per le borse di studio Itaca c’è tempo fino al 5 dicembre 2017. La domanda può essere compilata ed inviata esclusivamente online collegandosi al sito web www.inps.it, registrandosi e ottenendo il proprio PIN per accedere all’area riservata “Servizi online” e, da lì, selezionando le voci di menù “Servizi per il cittadino” o “Servizi ex Inpdap”. A questo punto è possibile selezionare la vice “Borsa di studio / Iniziative Accademiche – Domanda” e compilando il proprio modulo di domanda; una volta inviata la domanda, il sistema invierà al candidato un numero di protocollo non modificabile.

Ci sono poi le borse di studio Wep Inps, pensate per i ragazzi delle scuole superiori che hanno il desiderio di frequentare una scuola straniera per qualche tempo. Queste sovvenzioni del valore di 1.000 euro premieranno ulteriormente gli studenti più meritevoli, dando loro la possibilità di accedere più agevolmente ai programmi scolastici. A questo scopo, Wep è una delle realtà individuate dal bando Itaca per organizzare soggiorni all’estero per studenti: questa organizzazione si occupa infatti della promozione di scambi linguistici ed educativi.

L’iter per presentare la candidatura per le borse di studio Wep comincia con la richiesta di un colloquio sul sito web www.wep.it oppure di persona, seguita eventualmente dalla preparazione dei documenti necessari per la scuola estera e per la famiglia che ospiterà lo studente. A questo punto Wep fornirà il contratto da spedire all’Inps per candidarsi per la borsa di studio.

Le due borse di studio Inps non sono cumulabili, ma i requisiti necessari per candidarsi sono i medesimi: possono infatti concorrere per le sovvenzioni i figli o gli orfani di dipendenti e pensionati della pubblica amministrazione iscritti alla Gestione unitaria delle prestazioni creditizie e sociali oppure dei pensionati utenti della Gestione Dipendenti Pubblici.
La selezione per assegnare le borse di studio si baserà sulla media dei voti ottenuti durante l’anno scolastico 2016/2017 e sull’indicatore ISEE 2017 del nucleo famigliare dello studente.
Entro il 10 gennaio 2018 saranno pubblicate le graduatorie provvisorie.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here