Inventarsi un nuovo lavoro a 40 anni? E’ possibile! Per molti questa è un’esigenza dettata dal fatto di aver perso un precedente impiego, ma questo “incidente di percorso” può tramutarsi in un’opportunità di intraprendere una nuova e soddisfacente carriera fai da te e sconfiggere la crisi.

Come si fa? Da dove si può cominciare? Su che tipo di attività conviene concentrarsi? Inventarsi una nuova carriera a 40 anni non è impossibile, ma bisogna essere disposti a mettersi in gioco, a investire sulla propria formazione e ad analizzare ogni aspetto della nuova professione che si intende intraprendere.

La prima cosa da considerare sono le proprie attitudini e le proprie competenze; bisogna poi riflettere su come metterle a frutto in un mercato del lavoro che negli ultimi anni è cambiato in maniera profonda: lanciarsi in una nuova impresa senza tener conto delle richieste del mercato non è un buon presupposto per il successo dell’attività, ma anche non rispettare le proprie capacità e inclinazioni non è una scelta vincente. Il giusto compromesso esiste sempre: basta trovarlo!

Un’altra variabile da considerare è l’investimento iniziale necessario e il reperimento di un capitale che permetta di affrontare serenamente il primo anno di attività. Nell’investimento iniziale vanno ovviamente compresi anche eventuali corsi di formazione: è infatti necessario prepararsi in maniera adeguata alla nuova carriera fai da te, senza lasciare nulla al caso.
Ci vogliono poi capacità di adattamento, spirito imprenditoriale e la capacità di approfittare di ogni occasione che si presenta: un lavoretto da baby sitter, ad esempio, può essere il primo passo verso una carriera di tata professionista, così come la passione per la cucina può trasformarsi in un lavoro a tempo pieno.

Quali sono i lavori a cui dedicarsi dopo i 40 anni? Le professioni più richieste dal mercato sono svariate e molto diverse tra loro: si passa dai lavori più tradizionali e che negli anni si sono parzialmente perse a professioni nuovissime e talvolta singolari nate dal progresso tecnologico e da nuove mode lanciate in ambito culinario, estetico, dei servizi e così via. Alcuni esempi? In ambito estetico tra le professioni da intraprendere dopo i 40 anni c’è sicuramente la nail artist, mentre in campo culinario riscuotono un buon successo cake designer, cuochi a domicilio e food blogger.

Ci sono poi tutti quei professionisti che mettono le loro capacità al servizio del prossimo nei settori più disparati: si va dal personal trainer al wedding planner, dal tutor scolastico a domicilio al tutor di viaggio (che sostituisce in parte la figura della guida turistica), fino all’organizzatore di eventi e al personal shopper. Tutte professioni, come si può intuire, che richiedono pazienza, professionalità e passione ma che si possono tranquillamente intraprendere anche dopo i 40 anni. I più tecnologici, invece, potranno cimentarsi come web editor e social media manager, due figure professionali che uniscono la passione per la scrittura, la conoscenza di internet e dei principali social network e la capacità di confrontarsi con altre persone.

Bisogna inoltre tenere conto che per ritagliarsi uno spazio nel settore che si è scelto è necessario essere molto competenti, competitivi, sempre aggiornati e offrire qualcosa di nuovo ed esclusivo, che ci faccia preferire al resto della concorrenza! Pronti a ripartire?