Lavorare come croupier? Può essere una buona idea: da professione decisamente poco comune sta diventando un lavoro sempre più richiesto, soprattutto a causa della grande quantità di nuove aperture di casinò in tutta Europa, aperture che offrono numerosi posti di lavoro, solitamente ben retribuiti.
Cercare lavoro come croupier, quindi, offre molti vantaggi: concorrenza non ancora spietatissima, buona retribuzione e la possibilità di viaggiare molto per girare i casinò d’Europa e del mondo (Inghilterra, Svizzera, Tanzania e Marocco solo per fare qualche esempio), senza dimenticare la possibilità di lavorare come croupier sulle navi da crociera. Ci sono anche buone possibilità di carriera: si può crescere professionalmente fino a diventare ispettore, pit boss (figura che controlla diversi tavoli) e i manager, che godono di stipendi molto elevati.

Ma in cosa consiste questo lavoro? Il croupier di solito si occupa, all’interno di un casinò, dell’amministrazione e dell’operatività di un tavolo da gioco, che può essere un tavolo da carte, da poker, la roulette e così via, prendendosi anche la responsabilità di controllare le scommesse e le puntate e di distribuire le vincite. Tra i suoi compiti c’è anche quello di controllare che tutte le operazioni si svolgano regolarmente, provvedendo inoltre ad illustrano ai meno esperti le regole del tavolo a cui si sta giocando.

Una delle qualità indispensabili per diventare un buon croupier è la velocità, che permette al casinò di guadagnare di più grazie al numero maggiore di giocate che si riescono ad effettuare: chi ha questa abilità e la vuole mettere a frutto in maniera professionale può rivolgersi ad una delle agenzie internazionali che offrono corsi per diventare croupier di circa tre mesi.
Questi corsi per diventare croupier costano solitamente poco più di 3 mila euro, ma alla fine del percorso di formazione – da contratto – ogni partecipante ha già la garanzia di un contratto a tempo indeterminato in un casinò in una capitale europea o mondiale o su una nave da crociera. Gli unici requisiti richiesti sono quelli di non essere daltonici, essere in possesso di un diploma, non avere mai riportato condanne penali e non avere tatuaggi in vista. E’ poi importante avere una buona conoscenza della lingua inglese, la passione per i giochi d’azzardo e con le carte e tanta, tanta pazienza con le centinaia di giocatori che si avvicendano al tavolo da gioco.

Quanto si guadagna lavorando come croupier? Da subito si possono guadagnare più di  1.000 euro al mese, oltre alle eventuali mance; con il passare del tempo e il passaggio a casinò sempre più prestigiosi lo stipendi si alza considerevolmente, fino a toccare punte di 3.500 o addirittura di 10.000 euro al mese.
Questa professione, però, richiede anche alcuni sacrifici: come già detto, bisogna essere disposti a viaggiare per tutto il mondo anche per lunghi periodo di tempo, inoltre bisogna essere disposti a lavorare anche nei weekend e di notte.

Francesca Scarabelli