MENU
Borse di studio in Islanda 2016-2017, ecco come candidarsi

Questa opportunità è scaduta! Vuoi rimanere aggiornato sul mondo del lavoro?
Cogli l’attimo! Iscriviti alla newsletter di MondoLavoro.

Studiare in Islanda, la terra dei geyser per antonomasia: per alcuni sarebbe una scelta coraggiosa per via del clima molto rigido, per altri un vero sogno che si realizza a causa del suo straordinario paesaggio fatto di vulcani, cascate, deserti, fiordi, geyser, laghi e distese di muschio verde.
In questo Paese all’estremo nord ovest del continente europeo vivono circa 280 mila persone (per avere un’idea: è circa la metà degli abitanti di Genova!) con la densità di popolazione più bassa d’Europa in assoluto: 2,7 abitanti per chilometro quadrato.
La maggior parte della popolazione islandese vive nella capitale, Reykjavìk, oppure nell’area circostante. Proprio qui si trova anche l’Università d’Islanda, fondata nel 1911
.
Per chi desidera studiare all’estero, il Ministero dell’Istruzione, Scienza e Cultura islandese ha messo a disposizione delle borse di studio in Islanda riservate a cittadini italiani ed esteri. La candidature per l’anno accademico 2016 – 2017 sono già aperte e per partecipare c’è tempo fino al 1 dicembre 2015.
Il MAECI (Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale) in accordo con vari Stati e istituzioni, ha come ogni anno messo a disposizione alcune borse di studio per permettere ai cittadini italiani di studiare all’estero. In particolare, le borse di studio in Islanda sono una quindicina e sono finalizzate a promuovere corsi di lingua islandese, da studiare come seconda lingua presso l’Università di Reykjavik.

Al bando per borse di studio in Islanda possono presentare la propria candidatura studenti italiani (preferibilmente con meno di 35 anni di età) che siano già in possesso di una conoscenza basilare della lingua islandese e della lingua inglese.
Il periodo di tempo in cui poter usufruire delle borse di studio in Islanda 2016 – 2017 va dal 1 settembre 2016 al 30 aprile 2017, ossia il semestre primaverile, presso l’Università di Reykjavik. Questi contributi finanziari per studiare la lingua islandese copriranno le tasse di iscrizione all’università e prevedono inoltre l’erogazione di un contributo mensile di circa 130 mila corone islandesi, pari a più o meno 900 euro, che serviranno a coprire le spese di vitto e alloggio (è possibile comunque affittare una camera nel dormitorio dell’università).

Per presentare la propria domanda di partecipazione al bando per l’assegnazione di 15 borse di studio in Islanda è necessario compilare l’apposito modulo e farlo pervenire entro il 1 dicembre 2015 all’Árni Magnússon Institute for Icelandic Studies, Sigurður Nordal Office, Box 1220, 121 Reykjavík, Iceland.
Per avere maggiori informazioni è possibile visitare il sito web dell’Árni Magnússon Institute di Reykjavik.

Immagina un mondo dove è il lavoro che ti cerca.
Non è più un sogno, ma un progetto a cui stiamo dando forma.

Copyright 2019 © MondoLavoro
Un progetto DigitalSense

Il mondo cambia in un battito di ciglia. Riesci a stare sempre sul pezzo? Se sei qui è perché sei curioso e questo è un ottimo primo passo. Proseguiamo l’avventura insieme!

Per te che non ti fermi alle apparenze e sei un tipo che va sempre oltre il titolo di un articolo online. Se vuoi scoprire di più (davvero), ma sei stanco del burocratese delle enciclopedie, questa è la tua sezione. 

Nessuno (Avengers a parte) nasce coi superpoteri. La buona notizia che ti diamo è che puoi acquistarli, col tempo e con l’impegno giusto. Come fare? Investi su di te, oggi.  

Jeff Bezos ha dato vita ad Amazon. Chi ha detto che tu non possa creare qualcosa di altrettanto valido? Se hai un sogno (o magari più di uno), ti mancano solo gli strumenti adatti. Inizia ora!

Copyright 2019 © MondoLavoro
Un progetto DigitalSense

NON AVERE FRETTA!

Iscrivendoti alla nostra newsletter riceverai una volta ogni 15 giorni gli articoli del blog che hanno avuto più successo tra i lettori di MONDOLAVORO.
È un’opportunità, è gratuita, è riservata a chi desidera un’informazione libera e competente.