MENU
POTENZIA
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
whiteBorder
POTENZIA
Borse di studio per la formazione post-laurea
studente
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Borse di studio per la formazione post-laurea
studente
Attraverso il progetto denominato Homo Sapiens Sapiens, ogni anno l’Inpdap (Istituto nazionale di previdenza per i dipendenti dell'amministrazione pubblica) sostiene gli studenti e mette a disposizione dei giovani italiani delle borse di studio istituite apposta per assisterli economicamente durante i loro iter di studi post-laurea.

Ti sei già laureato ma hai deciso di continuare la tua formazione, per specializzarti al meglio. Unico problema: ti mancano le risorse economiche per proseguire gli studi. Ebbene, se sei figlio di un dipendente pubblico, ci pensa l’Inpdap con quasi duemila borse di studio.

studente

Pixabay | nastya_gepp

Attraverso il progetto denominato Homo Sapiens Sapiens, ogni anno l’Inpdap (Istituto nazionale di previdenza per i dipendenti dell’amministrazione pubblica) sostiene gli studenti e mette a disposizione dei giovani italiani delle borse di studio istituite apposta per assisterli economicamente negli iter post-laurea.

 

Quest’anno l’Istituto offre ben 1900 borse di studio da utilizzarsi tra master, dottorati di ricerca e corsi universitari validi ai fini dell’aggiornamento professionale. Di seguito, il dettaglio dell’offerta. Lo scopo del finanziamento consiste nel promuovere, rendendoli accessibili, i percorsi di istruzione, formazione ed educazione. Le borse di studio assegnate ai vincitori vanno utilizzate quale parziale rimborso delle spese sostenute nell´anno accademico appena trascorso.

 

L’OFFERTA:

Esattamente, per “percorsi di istruzione, formazione ed educazione post-laurea” si intende:

  • corsi di laurea o di laurea specialistica
  • corsi per il conseguimento del diploma di conservatorio
  • corsi di specializzazione successivi alla laurea
  • master universitari
  • dottorati di ricerca
  • stage in azienda

 

I CANDIDATI:

Possono partecipare al concorso Homo Sapiens Sapiens per ottenere aiuto finanziario i figli – e gli orfani – di iscritti o pensionati all’Inpdap nonché di lavoratori e pensionati pubblici iscritti al Fondo credito. Gli studenti che hanno studiato presso:

  • istituti scolastici e università, statali o legalmente riconosciuti
  • scuole italiane all´estero
  • scuole europee dell´Unione europea
  • istituti stranieri, i cui corsi siano legalmente riconosciuti equivalenti a quelli italiani

 

UN PO’ DI NUMERI (… in termini di borse di studio, ovviamente):

  • 1327 borse destinate a master e/o corsi universitari certificati dall’Inpdap, ovvero selezionati dall’Istituto su territorio nazionale. Ogni borsa arriva a un massimo di 10.000 euro che, eventualmente, andranno integrati dallo studente se necessario.
  • 22 borse rivolte ai dottorati di ricerca, limitatamente ai progetti che presentino tematiche relative a previdenza obbligatoria, complementare e assicurativa, assistenza sanitaria pubblica e integrativa, politiche sociali creditizie agevolate e welfare
  • 549 borse riservate a corsi universitari frequentati per l’aggiornamento professionale: anche in questo caso, i corsi sono ristretti a quelli che trattano temi previdenziali obbligatori, complementari e assicurativi, di assistenza sanitaria pubblica e integrativa e di welfare. ATTENZIONE: scadenza 30 ottobre 2011.

 

Esistono bandi di concorso specifici a seconda della borsa di studio per cui ci si candida: è possibile scaricarli qui. Ognuno di essi indica chiaramente quali sono i requisiti richiesti e imprescindibili, con particolare focus su quelli di merito.

 

 

Autore: Redazione di Mondolavoro.it
© Copyright 2011-2021 Mondolavoro.it – All Rights Reserved

 

STANNO CERCANDO TE!
Precedente
Successivo
LIBRI CONSIGLIATI

Questo articolo ti è stato utile?

Clicca sulle stelle per valutare l'articolo!

Siamo spiacenti che questo articolo non sia stato utile per te!

Con il tuo aiuto possiamo migliorarlo.

Altri articoli che potrebbero interessarti