Il congedo di paternità, un primo approccio

Chi l’ha detto che è sempre la neo mamma a dover stare a casa con il bambino? In un’epoca in cui si sta andando sempre di più in direzione della parità dei sessi, anche e soprattutto nel mondo del lavoro, si è sempre più propensi a riconoscere anche il diritto (e il dovere) dei papà di accudire i figli appena nati. Ecco quindi cosa bisogna sapere sul congedo di paternità.

Maternità: un primo approccio fra diritti e doveri delle mamme lavoratrici

Diventare madri è il sogno di molte donne ma in Italia, purtroppo, non sembra così semplice conciliare famiglia e carriera. Un aiuto viene dal congedo di maternità, un periodo in cui la neo mamma può stare a casa con il bimbo percependo un’indennità che sostituisce lo stipendio. Vediamo quindi tutto quello che c’è da sapere su maternità e lavoro e sui diritti e i doveri delle mamme lavoratrici.

Welfare aziendale: la garanzia delle aziende virtuose

Il Nord Europa, la Germania e il Regno Unito hanno dato l’esempio per il mercato del lavoro su scala globale: il welfare aziendale ha preso il via proprio in queste aree, per poi fortunatamente diffondersi anche nel resto del mondo. Come mai è una politica vincente? Perché tutti vincono: felici i dipendenti, felice l’azienda. Dite che questo è un sogno irraggiungibile basato su un principio filantropico che poco si sposa con le logiche economiche? Niente di più sbagliato. Vediamo in che modo i lavoratori possono esser soddisfatti senza che le aziende ne risentano.

Il Riscatto di laurea: scopriamolo insieme.

In un periodo in cui le parole “laurea” e “pensione” hanno perso un po’ la loro aura mitica e fanno quasi sorridere, c’è una possibilità per recuperare tutti gli anni spesi appresso alle sessioni d’esame: il riscatto del corso di laurea. Ovvero l’istituto che vuole dare valore, in termini pensionistici, al tempo impiegato a finire l’università.

Cos’è l’Employer Branding? Scopriamolo insieme

Oggi le definizioni inglesi che occupano il mercato del lavoro sono così tante che quasi ci si sente invasi. E, la ricerca di un impiego somiglia più a una gita turistica a Londra armati di dizionario, come si usava una volta. Un esempio di quanto poco sappiamo davvero delle ultime innovazioni linguistiche del settore è l’Employer Branding. Che cos’è? Molti tra i recruiter dovrebbero saper rispondere a questa domanda esistenziale, ma non sempre è così. D’altronde si tratta di un concetto apparso più o meno solo di recente – attorno agli anni ’90 – e che è sfugge parecchio ad una traduzione immediata in italiano.

Categorie Protette: chi sono e quali obblighi hanno le aziende

Durante l’instancabile ricerca di un nuovo impiego, spesso sarà capitato di imbattersi nell’espressione “riservato alle categorie protette”. Ogni tanto compare e la domanda che giunge spontanea è: che cosa sono e chi ne fa parte? Se vi state chiedendo se quelli in categoria protetta siano l’equivalente professionale delle persone che pagano una priority con RyanAir per imbarcarsi prima, vi state sbagliando. Ecco alcune risposte che vi illumineranno sulla questione.