MENU
ESPLORA
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
whiteBorder
ESPLORA
Come diventare agopuntore: tutto quello che c’è da sapere
diventare agopuntore
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Come diventare agopuntore: tutto quello che c’è da sapere
diventare agopuntore
Chi è e cosa fa l'agopuntore? Andiamo alla scoperta di questa affascinante figura professionale che si avvale di metodi antichi per curare la salute delle persone.

Per diventare agopuntore non basta improvvisarsi: si tratta infatti di una disciplina antica che, se applicata correttamente, può dare grandi risultati. Vediamo tutto quello che c’è da sapere in merito.

Cos’è l’agopuntura

Cominciamo dal principio: cos’è l’agopuntura? Si tratta di una forma di medicina tradizionale cinese che risale ad oltre diecimila anni fa. Il suo scopo è quello di ristabilire il giusto passaggio del qi, l’energia vitale che pervade ogni parte del nostro corpo attraverso i meridiani, tramite l’inserzione di aghi in punti specifici del corpo umano.
Questa forma di medicina si è diffusa anche in Europa a partire dal 1600 grazie all’opera del diplomatico francese G. Sulier de Morant, che ha portato le basi di questa disciplina anche in Occidente. A partire dagli anni Cinquanta, poi, ebbe inizio uno studio scientifico sull’agopuntura tramite riferimenti moderni che coinvolgono la biochimica e così via. Fa nel 1979, infine, che l’OMS ha dichiarato l’agopuntura clinicamente utile per il trattamento di alcune patologie.

agopuntura medicina tradizionale cinese

Pixabay | jaydeep_

Agopuntura o acupressione?

Entrambe queste tecniche derivano dalla tradizione cinese e rientrano nelle cosiddetta medicina alternativa. Il presupposto di base è comune: nel nostro corpo scorre un flusso continuo di energia (chiamato qi) che scorre in canali chiamati meridiani. A volte questa circolazione può bloccarsi in alcuni punti, causando malessere e disturbi.
E’ qui che interviene l’agopuntore o l’acupressore, che attraverso la stimolazione cutanea di questi punti favorisce lo sblocco di questi punto e il fluire del qi. Questa pressione può avvenire tramite aghi, come nel caso dell’agopuntura, o con la pressione delle dita nel caso dell’acupressione, detta anche agopressione cutanea o digitopressione.

I disturbi che si possono trattare con l’agopuntura

L’uso di queste tecniche trova largo uso nella cura di disturbi e patologie come, ad esempio, mal di schiena, dolori alle articolazioni, artrite reumatoide, lombosciatalgia, nausea in gravidanza, gastrite, asma, congiuntivite, diabete, emicrania, infertilità maschile, sciatalgia, sinusite, fibromialgia, vertigini e tunnel carpale. Vengono anche utilizzate per curare di disturbi di tipo emotivo come ansia, depressione, insonnia e attacchi di panico.

Il quadro normativo in Italia

La legge in Italia parla chiaro: l’agopuntura e l’acupressione possono essere praticate solo da medici abilitati. Chi pratica queste discipline senza essere in possesso di questo requisito fondamentale di fatto sta commettendo un atto illegale, punibile penalmente.
Non funziona così nel resto d’Europa: in Francia e nel Regno Unito, ad esempio, non è una professione regolamentata e chiunque si può iscrivere ad un corso di specializzazione per diventare agopuntore. Coloro che hanno conseguito questo titolo all’estero ma vogliono praticare la professione in Italia dovranno quindi attivarsi per il riconoscimento e l’adeguamento alla legge italiana, compreso il superamento dell’esame di Stato per ottenere l’abilitazione.

Come diventare agopuntore

Il prerequisito fondamentale per diventare agopuntore lo abbiamo già visto: è necessario essere medici. C’è anche da dire che sarebbe sufficiente la laurea in medicina e l’iscrizione all’albo dei medici per praticare l’agopuntura in maniera legale, senza che siano richiesti dalla legge ulteriori diplomi.
Per chi vuole intraprendere la professione di agopuntore, tuttavia, esistono dei corsi di agopuntura, accessibili ai soli medici, che spesso comprendono anche lo studio della medicina tradizionale cinese e della fitoterapia.
Non esistono corsi universitari di formazione medica per questa disciplina: ogni medico può quindi seguire privatamente corsi più o meno seri e qualificati, che possono durare da pochi mesi a qualche anno. Tenete comunque conto che un corso serie richiede in media tre anni di studio.

agopuntura

Pixabay | gantelya

I corsi per diventare agopuntore in Italia

La medicina tradizionale cinese in generale, e l’agopuntura in particolare, sono sempre più apprezzate e richieste anche in Occidente, Italia compresa. Nel nostro Paese il percorso per diventare agopuntore è lungo e impegnativo, ma è l’unico modo per diventare un professionista preparato e in grado di lavorare con tutte le carte in regola.
La formazione specifica per diventare agopuntore si effettua obbligatoriamente dopo aver conseguito una laurea in medicina. Ci sono corsi di specializzazione in agopuntura e acupressione validi: ad esempio ce ne sono alcuni, solitamente di durata quadriennale, riconosciuti dalla commissione ECM del Ministero della Salute. Anche la Scuola Tao di Bologna e di Milano e la scuola di Agopuntura di Firenze e di Roma propongono corsi indirizzati a medici o veterinari.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha inoltre riconosciuto ufficialmente i Centri Internazionali di Formazione in agopuntura di Shanghai, Nanchino, Pechino e della Corea, così come i Corsi Europei di Formazione Avanzata in agopuntura-moxibustione in Francia, Inghilterra, Olanda e Belgio.
Ricordiamo però che chiunque abbia studiato Medicina all’estero, per poter lavorare nel nostro Paese, deve sostenere in Italia l’Esame di stato per poter esercitare l’Agopuntura.
In Italia questi corsi sono curati dall‘AIAM e dall’Istituto Paracelso, con sedi a Venezia, Roma e Palermo.

Le associazioni di riferimento

Come avviene per molte professioni, anche per l’agopuntura ci sono alcune associazioni di riferimento per il settore. In Italia troviamo la Federazione Italiana delle Società di Agopuntura (FISA), l’Associazione Italiana Agopuntura (A.I.A) e l’Associazione Italiana di Agopuntura-Moxibustione e Medicina Tradizionale Cinese (AIAM). A livello internazionale, invece, si può fare riferimento alla World Federation Acupuncture Society (WFAS).

diventare agopuntore

Pixabay | alterfines

Le novità 2019 nel campo dell’agopuntura

Pur essendo una disciplina antichissima, non mancano novità relative, ad esempio, a nuovi campi di applicazione dell’agopuntura. A questa disciplina è stato recentemente dedicato (il 21 e 22 settembre 2019) un intero Congresso internazionale, che si è svolto presso l’università degli Studi di Milano. L’incontro è stato organizzato da Alms (Associazione lombarda medici agopuntore) e Agom (Agopuntura nel Mondo), associazioni presiedute rispettivamente da Carlo Moiraghi e Paola Poli. Lo scopo era quello di celebrare l’integrazione fra medicine per la cura di malattie croniche che affliggono la nostra società.

Agopuntura e fibromialgia

Alcuni studi dimostrano l’efficacia dell’agopuntura nelle terapie per malattie complesse, come la fibromialgia e la patologie autoimmuni. A questo proposito Grazia Meneghetti, responsabile del Servizio di agopuntura presso l’Ospedale Maggiore della Carità di Novara, specializzato nel trattamento di pazienti fibromialgiche, ha spiegato: “L’esperienza del nostro ambulatorio pubblico, aperto dal 2012 e convenzionato con il Sistema sanitario nazionale, conferma che con gli aghi si affrontano bene dolori cronici, stanchezza, insonnia, depressione e gli altri sintomi della fibromialgia”.
Le terapie per la fibromialgia in molti centri di riferimento nazionali prevedono anche sedute settimanali di agopuntura in abbinamento alle cure tradizionali, con lo scopo di diminuire i farmaci e migliorare la qualità della vita dei pazienti.

Agopuntura e terapie oncologiche

Un altro punto importante riguarda b. La sua efficacia, infatti, è stata confermata anche dall’autorevole National Cancer Institute per quanto riguarda la nausea provocata dalla chemioterapia.
Paola Poli, che a Milano è responsabile di un ambulatorio gratuito per pazienti oncologici, afferma: “I benefici si vedono già dopo quattro sedute. I malati hanno più vitalità, meno dolori e disturbi, ma non solo: dato che la medicina cinese vede corpo e mente come due facce della stessa medaglia, gli aghi agiscono anche sul versante psicologico, alleviando alterazioni dell’umore come ansia, depressione e paura”. Il tutto senza effetti collaterali.

Agopuntura in sala operatoria

Si parla anche di agopuntura al posto dell’anestesia classica, con farmaci oppioidi. Un’esperienza pilota permette già questa opzione alle donne che si sottopongono alla mastectomia presso il Centro senologico dell’Ospedale Santa Chiara di Pisa. I vantaggi sono un risveglio più rapido e nessun effetto collaterale.

Insomma, quello dell’agopuntura si configura come un campo interessante in cui operare, dove innovazione e tradizione si uniscono per il benessere dei pazienti.

STANNO CERCANDO TE!
Precedente
Successivo
LIBRI CONSIGLIATI

Questo articolo ti è stato utile?

Clicca sulle stelle per valutare l'articolo!

Siamo spiacenti che questo articolo non sia stato utile per te!

Con il tuo aiuto possiamo migliorarlo.

Altri articoli che potrebbero interessarti

Sul lavoro potresti essere più felice di così?
Segui MondoLavoro e migliora la tua vita professionale.
Ricevi una selezione dei nostri articoli su formazione, lavoro e nuove professioni

Copyright 2020 © MondoLavoro
Un progetto DigitalSense - P.IVA 11976761004

Il mondo cambia in un battito di ciglia. Riesci a stare sempre sul pezzo? Se sei qui è perché sei curioso e questo è un ottimo primo passo. Proseguiamo l’avventura insieme!

Per te che non ti fermi alle apparenze e sei un tipo che va sempre oltre il titolo di un articolo online. Se vuoi scoprire di più (davvero), ma sei stanco del burocratese delle enciclopedie, questa è la tua sezione. 

Nessuno (Avengers a parte) nasce coi superpoteri. La buona notizia che ti diamo è che puoi acquistarli, col tempo e con l’impegno giusto. Come fare? Investi su di te, oggi.  

Jeff Bezos ha dato vita ad Amazon. Chi ha detto che tu non possa creare qualcosa di altrettanto valido? Se hai un sogno (o magari più di uno), ti mancano solo gli strumenti adatti. Inizia ora!

Copyright 2020 © MondoLavoro
Un progetto DigitalSense
P.IVA 11976761004