MENU
CONOSCI
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Come scrivere il curriculum in inglese

Avete deciso di cercare lavoro in Inghilterra? Bene, la prima cosa da fare è scrivere il curriculum in inglese, operazione molto delicata a cui è necessario dedicare del tempo. Se, infatti, pensate di tradurre semplicemente il vostro attuale curriculum dall’italiano all’inglese, sbagliate.

La prima cosa da considerare, oltre al fattore linguistico, è che il proprio curriculum deve essere comprensibile ai selezionatori stranieri anche per quanto concerne la struttura e l’impostazione. Un po’ come quando a scuola si inizia a studiare l’inglese: vi sarà certamente capitato di sentirvi dire dalla vostra insegnante che è errato tradurre alla lettera la frase che si pensa in italiano, ma che è necessario fare uno sforzo in più ed adottare proprio un approccio differente. Questo è ciò che si verifica anche in questa situazione in cui bisogna presentare le proprie informazioni personali e lavorative senza suscitare diffidenza dei recruiter.

La prima cosa da sapere nel momento in cui si inizia a scrivere il curriculum in inglese è che nei Paesi anglosassoni non viene ritenuto valido il Curriculum Europass perché considerato troppo lungo e carico di informazioni non strettamente necessarie, di cui si può discutere durante il colloquio, che distraggono da quelle realmente importanti. Solitamente un buon curriculum per gli inglesi non deve essere lungo oltre le 2 pagine: risulta fondamentale, quindi, essere brevi e coincisi. Se si desidera, ad esempio, approfondire un specifica esperienza lavorativa a cui dare maggiore risalto, lo si può tranquillamente fare nella lettera di presentazione che deve essere allegata al CV. Basti sapere che, mentre in Italia non è ancora molto diffusa, nel Regno Unito è un documento importante quasi quanto lo stesso curriculum.

Nella sezione relativa ai Personal Details, ovvero i dettagli personali, dovrete inserire nome, cognome, indirizzo, e-mail e numero di telefono in modo da poter essere facilmente ricontattati per un colloquio. Attenzione, però, perché in Inghilterra è davvero difficile che si venga richiamati se non si ha la residenza o il domicilio lì o, comunque, se non ci si trova già sul posto nel momento in cui viene presentato il CV. Ciò significa che, la cosa migliore da fare sarebbe iniziare a cercare lavoro direttamente in loco, quindi dopo che ci si è trasferiti. Altra opzione è quella di approfittare di un vostro amico o conoscente che vive già in Inghilterra ed inserire il suo indirizzo nel curriculum.

Scrivere il curriculum in inglese, non temete, non è particolarmente difficile, dovete semplicemente stare attenti ad alcuni particolari. Ad esempio, non bisogna indicare specifiche sul sesso, la data di nascita e l’autorizzazione al trattamento dei dati personali perché, per legge, è proibito discriminare le persone in base al genere o all’età. Per quanto riguarda la Personal Statement, cioè la presentazione professionale, è fondamentale la sintesi. È sufficiente scrivere circa 6 righe per attirare l’attenzione dell’ipotetico datore di lavoro. L’ideale è riuscire ad evidenziare una particolare competenza o conoscenza mettendola in relazione all’attività lavorativa.
Per quanto concerne l’esperienza lavorativa dovrete indicare dalla più recente alla prima le varie esperienze lavorative. È importante indicare i nominativi ed i recapiti dei vostri precedenti datori di lavoro e sottolineare i vostri compiti e responsabilità durante il periodo lavorativo. Lo stesso discorso è valido per la sezione riguardante l’Education, cioè l’istruzione, in cui dovrete elencare titoli di studio, corsi e qualifiche varie.

Nella sezione delle competenze non si devono inserire quelle comunicative o, in generale, difficili da poter provare, ma bisogna focalizzare l’attenzione su quelle che possono essere facilmente dimostrate come quelle linguistiche o le conoscenze informatiche. Per ogni skill è importante indicare il livello di conoscenza: base, intermedio o avanzato.
A questo punto avrete quasi completato di scrivere il curriculum in inglese. Manca un’ultima sezione che, per gli anglosassoni, è fondamentale: le referenze. Indicare che i vostri precedenti datori di lavoro sono disponibili ad essere contattati sul vostro operato testimonia che siete stati apprezzati e che avete svolto bene i vostri compiti.

Mediante questi suggerimenti siete pronti per scrivere il curriculum in inglese: non dimenticate di stare attenti alla grammatica e di puntare molto sull’essenzialità dei contenuti e della forma.

STANNO CERCANDO TE!

Questo articolo ti è stato utile?

Clicca sulle stelle per valutare l'articolo!

Voto medio / 5. Conteggio voti:

Siamo spiacenti che questo articolo non sia stato utile per te!

Con il tuo aiuto possiamo migliorarlo.

Immagina un mondo dove è il lavoro che ti cerca.
Non è più un sogno, ma un progetto a cui stiamo dando forma.

Copyright 2019 © MondoLavoro
Un progetto DigitalSense

Il mondo cambia in un battito di ciglia. Riesci a stare sempre sul pezzo? Se sei qui è perché sei curioso e questo è un ottimo primo passo. Proseguiamo l’avventura insieme!

Per te che non ti fermi alle apparenze e sei un tipo che va sempre oltre il titolo di un articolo online. Se vuoi scoprire di più (davvero), ma sei stanco del burocratese delle enciclopedie, questa è la tua sezione. 

Nessuno (Avengers a parte) nasce coi superpoteri. La buona notizia che ti diamo è che puoi acquistarli, col tempo e con l’impegno giusto. Come fare? Investi su di te, oggi.  

Jeff Bezos ha dato vita ad Amazon. Chi ha detto che tu non possa creare qualcosa di altrettanto valido? Se hai un sogno (o magari più di uno), ti mancano solo gli strumenti adatti. Inizia ora!

Copyright 2019 © MondoLavoro
Un progetto DigitalSense

NON AVERE FRETTA!

Iscrivendoti alla nostra newsletter riceverai una volta ogni 15 giorni gli articoli del blog che hanno avuto più successo tra i lettori di MONDOLAVORO.
È un’opportunità, è gratuita, è riservata a chi desidera un’informazione libera e competente.