MENU
CONOSCI
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Come si diventa Enologo: percorso di studio e sbocchi professionali

Importante figura professionale con numerosi sbocchi lavorativi, l’Enologo riscuote un interesse sempre maggiore soprattutto tra i giovani che desiderano lavorare nell’affascinante settore della produzione vinicola. Le sue attività variano in base alla dimensione dell’azienda presso cui opera, ma può anche lavorare come libero professionista offrendo da esterno i propri servizi e consulenza. Di seguito una breve su come si diventa Enologo e su quali siano nello specifico le sue attività.

Nel caso in cui l’Enologo operi presso aziende di grandi dimensioni si occupa della gestione e organizzazione di alcuni momenti della lavorazione dell’uva, dalle analisi in laboratorio al controllo della qualità fino al controllo durante la fase di imbottigliamento. Presso le aziende più piccole, invece, si occupa di tutto il processo di produzione del vino sin dalla raccolta delle uve. In generale definisce i criteri per la produzione, suggerisce i prodotti enologici da acquistare, segue le trasformazioni chimiche e biologiche durante la fermentazione, controlla il giusto funzionamento dei macchinari e ne predispone l’eventuale manutenzione. Inoltre, è il responsabile dell’applicazione delle norme di igiene e conservazione degli alimenti previsti dalla legislazione italiana ed europea. Si tratta di una figura professionale di grande responsabilità che può anche occuparsi della vendita finale dei prodotti entrando in contatto con i clienti.

Come si diventa Enologo? È necessario un diploma di laurea triennale in Enologia e Viticoltura e poi completare la propria preparazione frequentando dei corsi di specializzazione periodicamente organizzati da Enti, Università ed Associazioni. Si tratta di una preparazione molto tecnica durante la quale si acquisiscono numerose nozioni di biologia e chimica, ma anche l’utilizzo di specifici strumenti.
Occorre sottolineare, infine, i numerosi sbocchi lavorativi. Oltre ad essere inserito presso varie aziende vinicole, può lavorare presso cantine di piccole e medie dimensioni e divenirne il responsabile, può esercitare all’interno di enoteche o altre attività commerciali dove si effettua la degustazione dei vini e la vendita al pubblico.

Questo in breve l’iter sul come si diventa Enologo e le peculiarità della professione. Se desiderate avere maggiori informazioni a riguardo ed essere aggiornati circa l’organizzazione di corsi ed eventi formativi, si consiglia di consultare il sito web dell’Associazione Nazionale degli Enologi ed Enotecnici.

 

Elisa Stampa

STANNO CERCANDO TE!

Questo articolo ti è stato utile?

Clicca sulle stelle per valutare l'articolo!

Voto medio / 5. Conteggio voti:

Siamo spiacenti che questo articolo non sia stato utile per te!

Con il tuo aiuto possiamo migliorarlo.

Immagina un mondo dove è il lavoro che ti cerca.
Non è più un sogno, ma un progetto a cui stiamo dando forma.

Copyright 2019 © MondoLavoro
Un progetto DigitalSense

Il mondo cambia in un battito di ciglia. Riesci a stare sempre sul pezzo? Se sei qui è perché sei curioso e questo è un ottimo primo passo. Proseguiamo l’avventura insieme!

Per te che non ti fermi alle apparenze e sei un tipo che va sempre oltre il titolo di un articolo online. Se vuoi scoprire di più (davvero), ma sei stanco del burocratese delle enciclopedie, questa è la tua sezione. 

Nessuno (Avengers a parte) nasce coi superpoteri. La buona notizia che ti diamo è che puoi acquistarli, col tempo e con l’impegno giusto. Come fare? Investi su di te, oggi.  

Jeff Bezos ha dato vita ad Amazon. Chi ha detto che tu non possa creare qualcosa di altrettanto valido? Se hai un sogno (o magari più di uno), ti mancano solo gli strumenti adatti. Inizia ora!

Copyright 2019 © MondoLavoro
Un progetto DigitalSense

NON AVERE FRETTA!

Iscrivendoti alla nostra newsletter riceverai una volta ogni 15 giorni gli articoli del blog che hanno avuto più successo tra i lettori di MONDOLAVORO.
È un’opportunità, è gratuita, è riservata a chi desidera un’informazione libera e competente.