ESPLORA

Il mondo cambia in un battito di ciglia. Riesci a stare sempre sul pezzo? Se sei qui è perché sei curioso e questo è un ottimo primo passo. Proseguiamo l’avventura insieme!

In questo articolo

REALIZZA
Corte Ue: anche gli spostamenti casa-lavoro sono da considerare orario lavorativo

Corte Ue: anche gli spostamenti casa-lavoro sono da considerare orario lavorativo

E' degli ultimi giorni l'intervento della Corte di Giustizia dell'Unione Europea in merito agli orari di lavoro: secondo la Corte Ue il tempo che un lavoratore che non ha sede di lavoro fissa impiega per raggiungere dalla propria casa il primo cliente deve essere considerato orario lavorativo, così come il ritorno alla propria abitazione dopo una giornata di lavoro.

In questo articolo

La vicenda ha origine dal ricordo di una società spagnola che qualche anno fa, a seguito di un cambiamento nell’organizzazione, chiuse tutti li uffici della regione sostituendoli con operatori dislocati sul territorio, dotati di auto e cellulare aziendale per espletare il loro lavoro. Questa società considerava “tempo di riposo” il tragitto dalla casa del lavoratore alla sede del primo cliente, che poteva distare anche cento chilometri.
In questo caso la Corte di Giustizia UE ha ritenuto che “i lavoratori sono a disposizione del datore di lavoro durante i tempi di spostamento”e quindi dichiarato che “nel caso in cui dei lavoratori non abbiano un luogo di lavoro fisso o abituale, il tempo di spostamento che tali lavoratori impiegano per gli spostamenti quotidiani tra il loro domicilio ed i luoghi in cui si trovano il primo e l’ultimo cliente indicati dal loro datore di lavoro costituisce orario di lavoro.

La corte UE precisa poi: “la circostanza che i lavoratori comincino e terminino i tragitti presso il loro domicilio è una conseguenza diretta della decisione del loro datore di lavoro di eliminare gli uffici regionali e non della volontà dei lavoratori stessi” e quindi “costringerli a farsi carico della scelta del loro datore di lavoro sarebbe contrario all’obiettivo di tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori perseguito dalla direttiva, nel quale rientra la necessità di garantire ai lavoratori un periodo minimo di riposo”.

Questo articolo ti è stato utile?

Clicca sulle stelle per valutare l'articolo!

Siamo spiacenti che questo articolo non sia stato utile per te!

Con il tuo aiuto possiamo migliorarlo.

Puoi indicarci come?

0
(0)
Potrebbero interessarti anche...
esplora
Nuovo modello di Curriculum vitae Europass
esplora
Identikit professionale: chi è l'infermiere di famiglia
esplora
Insegnare italiano all'estero
esplora
Servizi di assistenza agli anziani, un'opportunità per crearsi un lavoro