MENU
CONOSCI
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Dimissioni online, tutto quello che c’è da sapere sulla nuova procedura
Dal 12 marzo 2016 abbiamo detto addio alla vecchia lettera di dimissioni da consegnare al datore di lavoro: è stata infatti introdotta la procedura delle dimissioni online, che formalizzeranno per via telematica la risoluzione di un rapporto di lavoro.

Questa nuova misura, ufficializzata con un decreto ministeriale pubblicato in Gazzetta lo scorso 11 gennaio all’interno del Jobs Act, dovrebbe servire a contrastare il fenomeno delle cosiddette dimissioni in bianco, che alcuni datori di lavoro facevano firmare al momento dell’assunzione.

In pratica, tutti i lavoratori dimissionari, per formalizzare le proprie dimissioni, dovranno collegarsi al sito web ClicLavoro, cioè il portale unico della Rete nazionale dei servizi per le politiche del lavoro, e compilare l’apposito modulo seguendo tutte le procedure indicate, che alla fine porteranno alla comunicazione delle dimissioni tramite posta elettronica certificata. Per fare questo, il lavoratore avrà bisogno del Pin fornito dall’Inps. In caso di ripensamenti il lavoratore ha tempo una settimana per darne comunicazione e revocare le proprie dimissioni, sempre per via teelematica.

Fanno eccezione alcune categorie di lavoratori dipendenti, nello specifico dipendenti delle pubbliche amministrazioni, lavoratori in ambito domestico come babysitter, colf e badanti, lavoratori del settore marittimo, lavoratori parasubordinati come collaboratori con partita Iva, professionisti senza cassa, co.co.co e così via e dipendenti che stanno effettuando il periodo di prova.
Inoltre le dimissioni online e le risoluzioni consensuali sono soggette a convalida, cioè ratificate dalle direzioni territoriali del lavoro, nel caso di lavoratrici in gravidanza e di genitori durante i primi tre anni di vita del bambino.

In tutti gli altri casi deve essere utilizzata la procedura delle dimissioni online, eseguendola da soli oppure con l’aiuto di soggetti abilitati come, ad esempio, sindacati, patronati, enti bilaterali, commissioni di certificazioni, ma non a consulenti del lavoro o ad altri professionisti abilitati.
Chi non ha il computer o conoscenti in grado di aiutarlo, quindi, può rivolgersi tranquillamente a Patonati, sindacati o Caf che, una volta in possesso di tutte le informazioni necessarie, potranno fare da tramite tra il lavoratore dimissionario e il datore di lavoro.

STANNO CERCANDO TE!

Questo articolo ti è stato utile?

Clicca sulle stelle per valutare l'articolo!

Voto medio / 5. Conteggio voti:

Siamo spiacenti che questo articolo non sia stato utile per te!

Con il tuo aiuto possiamo migliorarlo.

Immagina un mondo dove è il lavoro che ti cerca.
Non è più un sogno, ma un progetto a cui stiamo dando forma.

Copyright 2019 © MondoLavoro
Un progetto DigitalSense

Il mondo cambia in un battito di ciglia. Riesci a stare sempre sul pezzo? Se sei qui è perché sei curioso e questo è un ottimo primo passo. Proseguiamo l’avventura insieme!

Per te che non ti fermi alle apparenze e sei un tipo che va sempre oltre il titolo di un articolo online. Se vuoi scoprire di più (davvero), ma sei stanco del burocratese delle enciclopedie, questa è la tua sezione. 

Nessuno (Avengers a parte) nasce coi superpoteri. La buona notizia che ti diamo è che puoi acquistarli, col tempo e con l’impegno giusto. Come fare? Investi su di te, oggi.  

Jeff Bezos ha dato vita ad Amazon. Chi ha detto che tu non possa creare qualcosa di altrettanto valido? Se hai un sogno (o magari più di uno), ti mancano solo gli strumenti adatti. Inizia ora!

Copyright 2019 © MondoLavoro
Un progetto DigitalSense

NON AVERE FRETTA!

Iscrivendoti alla nostra newsletter riceverai una volta ogni 15 giorni gli articoli del blog che hanno avuto più successo tra i lettori di MONDOLAVORO.
È un’opportunità, è gratuita, è riservata a chi desidera un’informazione libera e competente.