MENU
REALIZZA
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Donne e STEM, una storia possibile
Quello tra donne e STEM è un rapporto ancora tutto da inventare: il campo delle discipline scientifiche, tecnologiche e matematiche, infatti, è ancora quasi interamente maschile, ma sembra che qualcosa stia finalmente cambiando.

L’acronimo STEM (Sciences, Technology, Engineering and Mathematics) sta cominciando ad entrare nel dibattito sulla parità di genere. Eh sì, perché le donne scienziate o appassionate di tecnologia sono ancora viste come delle “intruse” in un mondo ancora fortemente maschile.

Uno dei pregiudizi più diffusi è che alle bambine non piacciano le materie scientifiche e che non vi siano portate. Nulla di più falso: nel corso del ciclo di istruzione primaria le bambine si dimostrano appassionate di STEM, interesse che diminuisce nel corso degli anni, probabilmente a causa anche della mancanza di incoraggiamento e degli stereotipi di genere, delle aspettative della società e dei genitori e dei modelli di comportamento che ancora siamo portati a seguire, più o meno consciamente. Basti pensare che le donne laureate in computer sciences al Politecnico di Milano sono solo il 18% del totale, mentre le iscritte alla facoltà di ingegneria della stessa università sono un misero 9%.

Donne e STEM: le iniziative

Eppure il contributo delle donne, in questo ambito come in molti altri, sarebbe sicuramente prezioso e proprio per questo motivo negli ultimi tempi sono sempre di più le iniziative che vedono protagoniste donne e STEM. Impossibile non citare, ad esempio, il progetto basato sul coding lanciato da Reshma Saujani, attivista e politica statunitense che nel 2012 ha ideato Girls Who Code, un’organizzazione non profit di rilevanza internazionale che ha l’ambizioso obiettivo di avvicinare le ragazze al mondo della programmazione.
Anche UN Woman, la divisione Onu che si occupa della parità di genere, collabora con diversi governi in tutto il mondo per colmare questo divario, impegnandosi tramite l’agenda Onu 2030 a “costruire infrastrutture resilienti, promuovere un’industrializzazione inclusiva e sostenibile e promuovere l’innovazione”. Questo sarà possibile grazie ad una strategia basata sui Women’s Empowerement Principles, che offrono alle aziende e alle istituzioni gli strumenti per potenziare la presenza femminile nei posti di lavoro.
Dal globale al locale: anche la Regione Piemonte ha in cantiere un progetto per promuovere e potenziare il binomio donne e STEM. Si tratta di un’iniziativa che durerà fino alla fine del 2020 e che ha l’obiettivo di avvicinare le giovani generazioni femminili ai percorsi formativi e alle carriere legate alle discipline scientifiche, tecnologiche e matematiche.
A maggio 2019, poi, si è svolta la maratona “Stem in the city”, l’evento annuale organizzato del Comune di Milano per avvicinare le studentesse alle materie scientifiche, che vede la collaborazione di partner come Microsoft, da sempre particolarmente sensibile a questa tematica.
In particolare, il colosso ha contribuito organizzando workshop e corsi di formazione dedicati ai nuovi trend digitali per incoraggiare le studentesse ad intraprendere questo tipo di percorsi in ambiti che sono in costante crescita ma in cui vige ancora il monopolio maschile.

Donne e STEM, gli esempi a cui ispirarsi

I modelli a cui le bambine si possono ispirare non mancano di sicuro: il mondo della scienza, della tecnologia e della medicina conta molte donne eccellenti che possono essere di esempio alle nuove generazioni; il problema è che spesso le loro storie sono tenute nell’ombra o non hanno comunque avuto la risonanza che avrebbero meritato.

Qualche esempio?
Ada Lovelace, la “mamma” dei computer. Questa matematica inglese ha ideato, tra le altre cose, un algoritmo pensato espressamente per ideare una macchina e, proprio per questo motivo, Ada è ricordata come la prima programmatrice di computer al mondo.

Samantha Cristoforetti e il record femminile di permanenza nello spazio. Samantha Cristoforetti non ha bisogno di presentazioni: ingegnere, aviatrice e astronauta italiana, è stata la prima donna italiana a far parte degli equipaggi dell’Agenzia Spaziale Europea e ha conseguito ufficialmente il record europeo e quello femminile di permanenza nello spazio in un singolo volo.

Margherita Hack, la “donna delle stelle”. Questa astrofisica è stata la prima donna italiana a dirigere l’Osservatorio Astronomico di Trieste: dal 1964 al 1987 lo ha portato ad avere fama internazionale. Non solo: Margherita Hack è stata anche membro di prestigiose società fisiche e astronomiche, ha collaborato con l’Esa e la Nasa e ha pubblicato numerosi libri e articoli su riviste internazionali.

Ogni donna può agire nel suo piccolo per contribuire a rendere il binomio donne-STEM sempre più forte. Cosa aspetti? Iniziamo a rompere ogni stereotipo di genere per costruire una società giusta ed equa, fondata sulle pari opportunità.

 

Francesca Scarabelli

STANNO CERCANDO TE!

Questo articolo ti è stato utile?

Clicca sulle stelle per valutare l'articolo!

Voto medio / 5. Conteggio voti:

Siamo spiacenti che questo articolo non sia stato utile per te!

Con il tuo aiuto possiamo migliorarlo.

Immagina un mondo dove è il lavoro che ti cerca.
Non è più un sogno, ma un progetto a cui stiamo dando forma.

Copyright 2019 © MondoLavoro
Un progetto DigitalSense

Il mondo cambia in un battito di ciglia. Riesci a stare sempre sul pezzo? Se sei qui è perché sei curioso e questo è un ottimo primo passo. Proseguiamo l’avventura insieme!

Per te che non ti fermi alle apparenze e sei un tipo che va sempre oltre il titolo di un articolo online. Se vuoi scoprire di più (davvero), ma sei stanco del burocratese delle enciclopedie, questa è la tua sezione. 

Nessuno (Avengers a parte) nasce coi superpoteri. La buona notizia che ti diamo è che puoi acquistarli, col tempo e con l’impegno giusto. Come fare? Investi su di te, oggi.  

Jeff Bezos ha dato vita ad Amazon. Chi ha detto che tu non possa creare qualcosa di altrettanto valido? Se hai un sogno (o magari più di uno), ti mancano solo gli strumenti adatti. Inizia ora!

Copyright 2019 © MondoLavoro
Un progetto DigitalSense

NON AVERE FRETTA!

Iscrivendoti alla nostra newsletter riceverai una volta ogni 15 giorni gli articoli del blog che hanno avuto più successo tra i lettori di MONDOLAVORO.
È un’opportunità, è gratuita, è riservata a chi desidera un’informazione libera e competente.