CONOSCI

Per te che non ti fermi alle apparenze e sei un tipo che va sempre oltre il titolo di un articolo online. Se vuoi scoprire di più (davvero), ma sei stanco del burocratese delle enciclopedie, questa è la tua sezione. 

In questo articolo

REALIZZA
Il contratto da apprendista: come funziona
contratto apprendistato

Il contratto da apprendista: come funziona

contratto apprendistato
Il contratto da apprendista, conosciuto anche come contratto di apprendistato: oggi parleremo di questo su Mondolavoro. Questo tipo di contratto rientra nelle formule di lavoro più utilizzate dai datori di lavoro, chi onestamente, perché si trova davanti un candidato con poca esperienza, chi un po’ meno onestamente… per poter retribuire meno i dipendenti.

In questo articolo

Il contratto da apprendista, lo anticipa il nome, definisce infatti un rapporto di lavoro che include anche un aspetto di tipo formativo. Ciò significa, in altre parole, che il datore di lavoro non solo è tenuto a versare retribuzione e relativi contributi al dipendente, ma deve anche garantirgli un vero e proprio percorso di crescita in ambito professionale. Una formazione tecnico-pratica, appunto.

A chi è rivolto il contratto da apprendista

  • il contratto di apprendistato è applicabile tanto alle posizioni in ambito operaio quanto a quelle in ambito impiegatizio;
  • è rivolto ai giovani tra i 15 e i 29 anni di età;
  • ATTENZIONE: 24, 26 e 29 sono gli anni di età entro i quali il contratto da apprendista può essere stipulato, ma non necessariamente deve esaurirsi. Infatti, può avere una durata minima di un anno e mezzo (18 mesi) sino ad un massimo di 4 anni, 5 nel settore artigiano, secondo quanto stabilito dai CCNL.

Le tipologie di contratto da apprendista

[amazon box=”8899810257″ template=”horizontal”]

Andando più nel dettaglio, esistono tre forme di contratto di apprendistato, ciascuna delle quali si applica per assumere giovani di diverse fasce d’età, secondo le modalità che qui riportiamo:

  • giovani dai 15 ai 18 anni (non ancora compiuti): con riferimento ai percorsi di apprendistato in diritto-dovere di istruzione e formazione;
  • giovani dai 18 a 29 anni: con riferimento ai percorsi di apprendistato di tipo professionalizzante ma solamente nel caso in cui ci sia stato il recepimento della nuova normativa nel CCNL applicato. Se gli apprendisti dimostrano di possedere una qualche qualifica professionale – conseguita ai sensi della legge 28 marzo 2003, n. 53, o altrimenti ottenuta con un rapporto di apprendistato precedente – il contratto professionalizzante può partire anche dal diciassettesimo anno di età;
  • giovani dai 18 ai 29 anni: con riferimento ai percorsi di apprendistato volti ad acquisire un diploma o subordinati a percorsi di alta formazione.

Il secondo e il terzo tipo di apprendistato hanno entrambi come destinatari i giovani tra i 18 e i 29 anni di età (l’assunzione può essere effettuata fino al giorno antecedente il compimento del trentesimo anno).

apprendistato

Pixabay | geralt

Cosa deve prevedere, sempre, il contratto da apprendista

Il contratto di apprendistato deve prevedere in qualsiasi cosa:

  • un testo scritto del contratto stesso;
  • una specificazione della mansione da svolgere, del piano individuale nonché della qualifica conseguibile attraverso l’apprendistato stesso;
  • un esplicito divieto di stabilire la retribuzione del dipendente/apprendista in base alle tariffe previste dal lavoro a cottimo, con un inquadramento che non può essere inferiore per più di due livelli rispetto a quello previsto dal contratto aziendale per i lavoratori che svolgono la stessa mansione o funzione;
  • una chiara precisazione dell’iter formativo previsto.

Orario e distribuzione dell’impegno lavorativo del contratto da apprendista

  • l’orario di lavoro del giovane apprendista è fissato secondo quanto determinato dai contratti collettivi ma non può assolutamente superare le 8 ore giornaliere o, in alternativa, le 40 ore settimanali;
  • la giornata lavorativa può essere tanto full-time quanto part-time, fermo restando che le prestazioni lavorative devono avere una durata tale da consentire il raggiungimento della realizzazione della qualifica professionale prevista dal contratto stesso;
  • gli apprendisti, in nessun caso possono essere impiegati all’interno di orari notturni, vale a dire tra le ore 22.00 e le ore 6.00;
  • le ore riservate alla formazione (insegnamento e addestramento pratico) vanno naturalmente considerate nel conteggio effettivo delle ore lavorative richieste al dipendente
  • le ferie non possono essere inferiori ai 30 giorni per chi ha meno di 16 anni, per scendere a 20 giorni per chi ha 17 anni o più.

La retribuzione prevista

La retribuzione è determinata dai diversi contratti di categoria. Naturalmente rimane sempre e comunque  inferiore alla retribuzione del lavoratore qualificato di riferimento, ma aumenta con l’avanzare del tempo e quindi dello svolgimento del contratto. In questo modo è possibile raggiungere addirittura il 95% dello stipendio completo previsto. Infine, la retribuzione non solo deve essere proporzionata alla quantità e qualità del lavoro svolto, ma deve anche essere valutata sufficiente ad assicurare una vita dignitosa all’apprendista e alla sua famiglia.

contratto apprendistato

Pexels | Pixabay

Fine e/o trasformazione del rapporto

Scaduto il periodo di apprendistato previsto dai CCNL, il contratto da apprendista si esaurisce, o in alternativa ciò avviene quando l’apprendista stesso ha raggiunto la qualifica professionale prevista. Il datore non può, dunque, interrompere anticipatamente il rapporto di lavoro, salvo il caso in cui non possa dimostrare una “giusta causa”. L’apprendista, dal canto suo, può invece dimettersi previo il giusto preavviso.

Conclusosi il periodo di lavoro/formazione, il datore può proporre un’assunzione vera e propria, trasformando così il contratto. Nel caso l’apprendista decida, invece, di concludere definitivamente il rapporto, è richiesta una disdetta formale.

Per chi volesse indagare nel dettaglio la normativa, è in uscita un testo specialistico che spiega le tipologie contrattuali di lavoro subordinato e parasubordinato vigenti. Vi suggeriamo anche due testi dedicati a chiunque voglia qualche consiglio per entrare nel mondo del lavoro.

[amazon box=”8899810168,8893851245,886705662X” grid=”3″]

 

Questo articolo ti è stato utile?

Clicca sulle stelle per valutare l'articolo!

Siamo spiacenti che questo articolo non sia stato utile per te!

Con il tuo aiuto possiamo migliorarlo.

Puoi indicarci come?

3.9
(72)
Potrebbero interessarti anche...
conosci
Il traduttore: come farlo in Tribunale e dintorni
Se le lingue le sapete già, vi sarà sufficiente qualche studio in più (un corso, una breve specializzazione…)...
conosci
ENPAB, una cassa previdenziale contro le discriminazioni di genere
Il gender gap è sempre più al centro dell'attenzione, anche e soprattutto per quanto riguarda il mondo...
conosci
È in arrivo Erasmus+, il nuovo progetto europeo di istruzione e formazione all’estero
È in arrivo Erasmus+, il nuovo progetto europeo di istruzione e formazione all’estero Partirà il prossimo...
conosci
Professioni sanitarie, a volte basta il diploma
Le professioni che riguardano l’ambito sanitario continuano ad essere molto richieste dal mercato del...