MENU
CONOSCI
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
whiteBorder
CONOSCI
Il Coworking: vantaggi e curiosità
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Il Coworking: vantaggi e curiosità
Alzarsi la mattina, prepararsi e andare in ufficio. Fino a poco tempo fa questo era il classico tran tran quotidiano che accomunava milioni di lavoratori nel mondo.

La crisi, il continuo sviluppo delle nuove tecnologie e la progressiva diffusione di nuovi lavori legati principalmente al web, hanno comportato quella che può essere definita una vera e propria smaterializzazione del posto di lavoro. Sono tantissimi, infatti, i liberi professionisti con partita iva, le startup e i freelance, per intenderci quelli che rientrano nella vasta categoria dei “lavoratori atipici”, che spesso lavorano da soli a casa. Una condizione che, con il passare del tempo, diviene certamente alienante e demotivante. A questi, inoltre, bisogna aggiungere anche coloro costretti a viaggiare continuamente. Il coworking nasce proprio per venire incontro alle esigenze di questi lavoratori. Tipicamente americano, nato a San Francisco e poi diffusosi a New York, Palo Alto e Los Angeles, vanta in Italia circa trenta esempi.

Naturalmente non si condividono solo i luoghi adibiti al lavoro, ma anche le sale riunioni, le aree relax, la cucina e gli open space. Lavoratori indipendenti, quindi, hanno in questo modo l’opportunità di condividere soprattutto i valori e le proprie competenze, di estendere la rete di contatti e, in primis, di investire sulla propria attività. Di frequente si instaurano proficui rapporti di lavoro e si creano interessanti sinergie. Nonostante il ritardo tipico con cui tali novità giungono di solito in Italia, sono sempre più numerose le realtà presenti lungo tutto la penisola: a Milano vi sono WorkOn e Ellequadra, a Napoli vi sono Riot Studio e il Business Office 55, a Torino vi sono Talent Garden e Tollbox, a Roma vi è Cowo360, a Catania spicca Beasy Bureau, a Bari vi è The Hub. Ovunque, centinaia di professionisti si siedono vicino e lavorano serenamente l’uno accanto all’altro condividendo la stessa filosofia di lavoro. Da sottolineare, inoltre, che spesso si lavora insieme o si ha la possibilità di risolvere velocemente eventuali problemi: merito della presenza eterogenea di varie figure professionali con delle competenze specifiche. Tra i principali promotori del coworking sono molto numerose le nuove imprese startup che sempre più spesso optano per tale soluzione lavorativa grazie ai suoi costi bassi e, quindi, facilmente accessibili a tutti. Secondo un tariffario preciso, è possibile scegliere la singola postazione in open space, oppure condividere la scrivania con altri professionisti. In questo modo si abbattono molto i tipici costi relativi alla gestione classica di un ufficio quali le bollette, l’affitto, il collegamento a internet, l’arredo della sede e così via, ma si ha anche la possibilità di usufruire di ulteriori servizi come quello di segreteria o di sede legale.

Spesso, inoltre, nei vari centri di coworking si organizzano vari eventi i cui obiettivo principale è diffondere tale nuova modalità di lavoro e far comprendere quanto sia fondamentale, in un momento difficile come quello attuale, puntare sulla creatività e l’innovazione d’impresa. Concretamente si riesce ad approfittare sia dei vantaggi propri del lavoro autonomo quali l’autonomia, la flessibilità e l’indipendenza, sia della condivisione e della possibilità di socializzare, elementi questi tipici degli uffici.

STANNO CERCANDO TE!
Precedente
Successivo
LIBRI CONSIGLIATI

Questo articolo ti è stato utile?

Clicca sulle stelle per valutare l'articolo!

Siamo spiacenti che questo articolo non sia stato utile per te!

Con il tuo aiuto possiamo migliorarlo.

Puoi indicarci come?

Altri articoli che potrebbero interessarti