MENU
REALIZZA
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Imprenditoria giovanile, le agevolazioni e i contributi
Essere giovani ed essere imprenditori sono due cose compatibili realisticamente? Certo che sì, grazie alle diverse agevolazioni previste per sostenere le iniziative di chi è da poco nel mondo del lavoro

Imprenditoria giovanile: non è un ossimoro né una barzelletta. Anzi, dato il periodo di crisi del mercato del lavoro nel nostro Paese, potrebbe esser più realistico del lancio spasmodico di curriculum nel mare magnum del web. Se avete un’idea, se siete pronti a fare di tutto per metterla in piedi, esistono dei finanziamenti per l’impresa che avete in mente. Vediamo le vie possibili.

Imprenditoria giovanile sostenuta dal governo

I giovani sono una categoria sociale per cui il Governo – strano ma vero – cerca di trovare soluzioni di sostegno economico a livello nazionale con l’aiuto dell’Unione Europea, riservando dei fondi, in particolar modo per le iniziative di imprenditoria giovanile. Lo dice addirittura la legge (la 95/1995), che prevede lo stanziamento di fondi proprio a questo scopo.

imprenditoria giovanile

A disposizione ci sono dei finanziamenti di circa 2 milioni e 600 mila euro per tutti i giovani che vogliono mettersi alla prova con la propria attività. Ovviamente le regole con gli anni sono un po’ mutate con l’applicazione di diversi decreti. Ma i finanziamenti per l’imprenditoria giovanile ci sono ancora e aspettano solo i più coraggiosi.

Quali attività di imprenditoria giovanile sono comprese?

I finanziamenti riguardano le società o le cooperative gestite da giovani che vogliano inserirsi in due settori specifici: il turismo e la tutela dell’ambiente.

Sono due ambiti in cui è possibile agire se si hanno le risorse per acquistare il terreno, sul quale poi realizzare le infrastrutture utili alla costruzione vera e propria dell’impresa. I finanziamenti per l’imprenditoria giovanile sono mirate ad una fascia d’età che va dai 18 ai 35 anni, per un totale di circa 500 mila euro per ogni imprenditore o gruppo di imprenditori. Sono contributi in parte a fondo perduto, in parte coperti da mutui a tassi agevolati.

I requisiti per accedere ai finanziamenti per l’imprenditoria giovanile

Il governo, con l’appoggio dell’Unione Europea, sceglierà tra i candidati che avranno presentato tutta la documentazione prevista dai bandi. Uno dei requisiti prevede che la maggioranza dei beneficiari debba esser compresa tra i 18 e i 29 anni, oppure che , quando si tratta di più soci a fare domanda, nessuno di loro superi i 35 anni di età.

I richiedenti devono poi essere residenti nelle zone in cui è applicata la legge. Inoltre la sede legale, quella operativa e quella amministrativa devono sempre rientrare nel campo applicativo della legge. Le società con unico socio e le ditte individuali restano escluse.

Come e quando?

Buona notizia: se questa mattina ti sei svegliato con la voglia di avviare il tuo progetto di imprenditoria giovanile, lo puoi fare subito. Non ci sono infatti dei periodi obbligatori per presentare la domanda: questa sorta di bando è sempre aperto. Qualsiasi momento è quello buono!

I finanziamenti per l’impresa giovanile

Sono investimenti che variano a seconda della regione in cui nascerà l’impresa, ma la copertura non è mai totale. Una premessa da tenere bene in considerazione, a questo punto: lo Stato di solito non eroga oltre il 50% del capitale necessario, quindi l’altra metà la dovrete mettere voi.

Ma torniamo indietro: in base all’idea di imprenditoria giovanile e alla regione scelta, è possibile avere finanziamenti che coprono fino al 90%. Di questi, il 45% sono a fondo perduto: questo è l’esempio di chi vuole muoversi nel Sud Italia, mentre per il Centro Nord la percentuale scende all’80% (35% a fondo perduto) per l’imprenditoria giovanile nel settore agricolo. E’ invece del 60/70% (e quindi il 15% a fondo perduto) per quanto riguarda tutti gli altri ambiti.

L’auto imprenditoria giovanile

I finanziamenti per l’impresa giovanile appartengono a diverse categorie: l’auto imprenditoria giovanile per le imprese nel settore agricolo, artigianale, industriale, servizi alle imprese e servizi turistici, con un finanziamento massimo di 2,5 milioni di euro.

Poi si passa a un aspetto ancora differente, ovvero l’auto-impiego. Il quale, a sua volta, comprende tre iniziative di imprenditoria giovanile:

  • lavoro autonomo (ditta individuale per un investimento massimo di 25.823 euro noto come “prestito d’onore”);
  • micro-impresa (società di persone per una cifra massima di 129.114 euro);
  • franchising (ditta individuale e società di persone – questa tipologia è la più diffusa. Si può scegliere con Invitalia un franchisor accreditato con il quale avviare il progetto).

Ultimo dato importante per chi è giovane ma non più tanto giovane: per questa sezione il limite anagrafico di 35 anni non è più valido. In più, la domanda è svincolata da tutti i discriminanti territoriali. In questo caso, ecco i settori che godono dei finanziamenti per l’impresa giovanile: servizi, commerciale, produttivo.

Ma non è finita qui: nei primi due anni di apertura, alle agevolazioni di base se ne aggiungeranno altre destinate all’acquisto di materie prime e per affrontare le spese di gestione fino a un massimo del 50% dei costi sostenuti.

C’è un unico requisito: il progetto di imprenditoria giovanile di auto-impiego deve restare attivo nel territorio di origine per un minimo di 5 anni dalla sua apertura.

L’importante, quindi, è che il progetto che beneficia delle agevolazioni sia svolto per un periodo minimo di 5 anni a partire dall’effettivo inizio dell’attività. Per lo stesso periodo deve mantenere la sede amministrativa, legale e operativa nel territorio in cui nasce l’impresa.

imprenditoria giovanile

Ovviamente, per superare la selezione tra i diversi richiedenti, armatevi di un business plan impeccabile: sul portale di Giovane Impresa è a disposizione un supporto che valuta proprio questo aspetto.

L’imprenditoria giovanile è donna

imprenditoria giovanile

Di recente, per fortuna, un occhio di riguardo è stato dedicato alle giovani donne alla ricerca di finanziamenti per l’impresa giovanile. Imprenditrici di tutto il Paese, aprite bene le orecchie: esiste un protocollo aperto nel 2014 e prorogato fino alla fine del 2019 solo per voi. I prestiti per sviluppare la vostra idea sono particolari: il tasso di interesse è ulteriormente ribassato rispetto a quello concesso dal Fondo di Garanzia per le PMI.

I finanziamenti per l’impresa giovanile al femminile variano a seconda del progetto

Ciascuna delle banche che ha deciso di aderire all’iniziativa ha messo a disposizione dell’imprenditoria femminile un plafond finanziario che varia in base alle necessità del finanziamento. Tre sono i principali: Investiamo nelle donne; Donne in Start-up e Donne in ripresa. A usufruirne sono le iniziative gestite o costituite da donne almeno per il 60%. Devono inoltre presentare nei due terzi dei capitali sociali delle quote affidate alle donne.

 

STANNO CERCANDO TE!

Questo articolo ti è stato utile?

Clicca sulle stelle per valutare l'articolo!

Voto medio / 5. Conteggio voti:

Siamo spiacenti che questo articolo non sia stato utile per te!

Con il tuo aiuto possiamo migliorarlo.

Immagina un mondo dove è il lavoro che ti cerca.
Non è più un sogno, ma un progetto a cui stiamo dando forma.

Copyright 2019 © MondoLavoro
Un progetto DigitalSense

Il mondo cambia in un battito di ciglia. Riesci a stare sempre sul pezzo? Se sei qui è perché sei curioso e questo è un ottimo primo passo. Proseguiamo l’avventura insieme!

Per te che non ti fermi alle apparenze e sei un tipo che va sempre oltre il titolo di un articolo online. Se vuoi scoprire di più (davvero), ma sei stanco del burocratese delle enciclopedie, questa è la tua sezione. 

Nessuno (Avengers a parte) nasce coi superpoteri. La buona notizia che ti diamo è che puoi acquistarli, col tempo e con l’impegno giusto. Come fare? Investi su di te, oggi.  

Jeff Bezos ha dato vita ad Amazon. Chi ha detto che tu non possa creare qualcosa di altrettanto valido? Se hai un sogno (o magari più di uno), ti mancano solo gli strumenti adatti. Inizia ora!

Copyright 2019 © MondoLavoro
Un progetto DigitalSense

NON AVERE FRETTA!

Iscrivendoti alla nostra newsletter riceverai una volta ogni 15 giorni gli articoli del blog che hanno avuto più successo tra i lettori di MONDOLAVORO.
È un’opportunità, è gratuita, è riservata a chi desidera un’informazione libera e competente.