MENU
ESPLORA
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
whiteBorder
ESPLORA
Laurea in architettura, quali sono gli sbocchi lavorativi?
laurea in architettura
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Laurea in architettura, quali sono gli sbocchi lavorativi?
laurea in architettura
Gli sbocchi professionali per chi è in possesso di una laurea in architettura non si fermano solo al settore dell'edilizia: le possibilità variano da quelle più creative a quelle più coraggiose. Vediamole insieme.

La laurea in architettura ha ancora senso in questi anni, se si pensa al mercato del lavoro? Un’altra domanda “esistenziale” a riguardo è: l’unica cosa che è possibile fare con questo titolo è l’architetto? Proviamo a rispondere a questi e ad altri quesiti. Ma intanto facciamo un brevissimo spoiler: le strade che partono da questa facoltà sono numerose e alcune non ve le aspettereste. Allora, cominciamo?

Laurea in architettura: oltre la squadra e il compasso

Così come non è detto che un laureato in giurisprudenza possa diventare solo avvocato, nemmeno chi ha laurea in architettura ha il destino segnato. Cominciamo col dirti che le aziende da voi si aspettano determinate conoscenze, come quella della lingua inglese e del pacchetto Office, ma non solo: è scontata la padronanza dei più comuni software di disegno in 2D/3D come AutoCad, SketchUp Archicad e, ovviamente, di Photoshop. Graditissima inoltre la dimestichezza con Rhinoceros, Revi, Illustrator e Indesign. Quanti di questi programmi conoscete e sapete utilizzare?

Laurea in Architettura: differenze tra triennale e magistrale

Iscrivendovi a questa facoltà, sappiate già che vi troverete di fronte a due possibilità in termini di titolo: il percorso di tre anni e quello magistrale. La laurea in architettura triennale vi permetterà l’accesso alla specialistica, ma potrete comunque contare su un pezzo di carta riconosciuto a livello professionale, da poi eventualmente integrare più avanti. Invece, scegliendo subito di iniziare la magistrale, sappiate che vi aspettano 5 anni non stop di studi prima di buttarvi sul mercato del lavoro.

laurea in architettura

Pixabay | 742680

Qual è la via che più si addice alle vostre aspirazioni? Da grandi vi vedete in un vostro studio di architettura oppure la vostra fantasia vi porta fuori dagli schemi canonici? Perché esistono dei concorsi pubblici o delle professioni a cui potrete avere accesso solo se siete in possesso di una laurea magistrale in architettura o di una specialistica, come è il caso dell’insegnamento e delle cariche da funzionari pubblici. Sono considerazioni da fare nel momento dell’iscrizione per evitare false partenze. Altra premessa necessaria: come molti altri corsi di laurea, anche quella in architettura è a numero chiuso. Per accedere è necessario superare un test di ingresso: per prepararsi a questa prova, consigliamo di consultare qualche manuale come quello di Alpha Test.

Considerate anche che questo corso di laurea può aprirvi le porte di tantissimi settori, anche al di fuori di quello della costruzione di edifici. Mestieri come quello del designer, nel mondo della moda, del restauro di opere d’arte o del videogaming: questi sono alcuni degli sbocchi possibili con la laurea in architettura, anche solo con il titolo triennale.

Laurea in architettura: iscrizione all’abo

Il traguardo dei tre anni può darvi la possibilità di conseguire comunque l’abilitazione professionale, con le seguenti differenze: con la laurea magistrale in Architettura l’esame di abilitazione vi certificherà come Dottori in Architettura, mentre con la triennale il superamento del test vi trasformerà in architetti “junior”.

Nel primo caso, quindi, sarete considerati architetti veri e propri e potrete iscrivervi alla sezione A dell’albo professionale ed esercitare liberamente. Potrete anche aprire il vostro studio, stilando progetti che portano la vostra firma. Come architetti junior, invece, ricadrete nella sezione B dell’Albo e lavorerete come collaboratori di un architetto senior o di un ingegnere.

Gli sbocchi professionali con la laurea in architettura

laurea in architettura

Pixabay | Megan_Rexazin

  1. Il libero professionista

Un’opzione che ovviamente ha i suoi pro ma anche i suoi contro. Per partire da liberi professionisti è necessario passare per il famoso periodo di gavetta, facendosi le ossa in diversi studi. Solo dopo aver appreso tutti i trucchi del mestiere, potrete valutare di avviare un vostro studio personale. Certo è che questo passo nasce da una forte determinazione (e forse un pizzico di follia), specialmente in un Paese come l’Italia che non spinge molto sull’imprenditoria giovanile. Tuttavia è una strada che può dare molte soddisfazioni e che lascia spazio all’espressione della propria creatività. Burocraticamente parliamo più che altro di aprire una partita iva e poi di procedere con un personal branding selvaggio. Il networking è fondamentale per portare avanti con successo la vostra attività, per cui dimenticate timidezza e ritrosia.

  1. Il restauratore

Soprattutto in Italia, il patrimonio culturale e artistico che ha bisogno di un bel lavoro di restauro è veramente immenso. Per non parlare poi rispetto al panorama europeo e asiatico, dove quest’operazione di recupero è sentita quasi come una priorità per la società moderna: rendere queste ricchezze accessibili al pubblico, ottimizzando il settore turistico, è considerata una grossa opportunità di sviluppo per i Paesi.

  1. Specialista dell’illuminazione con la laurea in architettura

Gestire i giochi di luci è importante per dare maggior rilievo agli edifici, sia pubblici che privati, strutture che sono sempre esposte all’occhio dello spettatore, anche durante le ore più buie. Questo è proprio il momento in cui il laureato in architettura può dimostrare le sue competenze, illuminando letteralmente la via e indirizzando gli sguardi nei punti giusti.

Altre professioni per i laureati in architettura

  1. Designer di mobili

E’ colui che dà forma agli oggetti di arredo, come possono essere i mobili, facendoli diventare degli elementi che danno un tocco artistico alla stanza. In tutto il mondo diversi marchi e designer importanti si dedicano a questa forma artigianale d’arte, come Ray Eames, Arne Jacobsen e Zaha Hadid. Far fruttare la laurea in architettura in questo campo vi farà entrare nelle case delle persone portando l’originalità tra gli scaffali.

  1. Graphic Designer

Questa è una delle carriere più gettonate tra i laureati in architettura che vogliono scappare dal percorso stabilito dell’edilizia. Per diventare progettista grafico è il caso di integrare la teoria imparata tra i banchi dell’università con ulteriori approfondimenti e corsi di computer grafica.

   6.Video Game Designer

laurea in architettura

Pixabay | Maria_Alberto

Passiamo a qualcosa di divertente per natura: il designer di videogame però, lo specifichiamo da subito, è un lavoro per chi ha voglia di spostarsi all’estero perché è proprio lì che questa professione ha maggiori prospettive. Con la laurea in architettura vi sarà possibile approcciare il mondo digitale, a patto però che sviluppiate parallelamente delle competenze nella progettazione di ambienti virtuali.

La lista delle professioni per chi ha una laurea in architettura continua

laurea in architettura

Pixabay | jarmluk

  1. Fotografo

Al pari del grafico, quella del fotografo è una delle professioni più popolari tra i laureati in architettura che non hanno trovato altri tipi di occupazione nell’edilizia. Questo perché l’architetto in genere ha sviluppato un buon senso compositivo dell’immagine e sa scegliere colori e pattern. In particolare, poi, è dotato di un buon senso estetico e tutto questo aiuta sicuramente quando si ha a che fare con un obiettivo fotografico.

  1. Scenografo

Se vi piace l’idea di realizzare scenografie teatrali oppure per la televisione e il cinema, allora questa è una carriera interessantissima. Le competenze necessarie sono le stesse per la progettazione edile, ma il particolare stimolante è che tutto ciò che creerete sarà solo per finzione. Questo sarà un grande incentivo alla vostra creatività, che potrà sbizzarrirsi seguendo le basi grafiche e di disegno sviluppate durante il corso di laurea in architettura.

  1. Industrial Designer

Questo settore specifico pone il focus sulla progettazione di elementi di piccole dimensioni con un target molto vasto, ovvero la produzione di massa. Per diventare industrial designer dovrete essere in grado di creare oggetti capaci di incontrare il gusto di un gran numero di utenti finali attraverso i dettagli.

Ecco che il futuro per un laureato in architettura si fa concreto e variegato: sta a voi ora decidere di assecondare i vostri talenti e indirizzare così la vostra carriera!

STANNO CERCANDO TE!
Precedente
Successivo
LIBRI CONSIGLIATI

Questo articolo ti è stato utile?

Clicca sulle stelle per valutare l'articolo!

Siamo spiacenti che questo articolo non sia stato utile per te!

Con il tuo aiuto possiamo migliorarlo.

Immagina un mondo dove è il lavoro che ti cerca.
Non è più un sogno, ma un progetto a cui stiamo dando forma.

Copyright 2019 © MondoLavoro
Un progetto DigitalSense

Il mondo cambia in un battito di ciglia. Riesci a stare sempre sul pezzo? Se sei qui è perché sei curioso e questo è un ottimo primo passo. Proseguiamo l’avventura insieme!

Per te che non ti fermi alle apparenze e sei un tipo che va sempre oltre il titolo di un articolo online. Se vuoi scoprire di più (davvero), ma sei stanco del burocratese delle enciclopedie, questa è la tua sezione. 

Nessuno (Avengers a parte) nasce coi superpoteri. La buona notizia che ti diamo è che puoi acquistarli, col tempo e con l’impegno giusto. Come fare? Investi su di te, oggi.  

Jeff Bezos ha dato vita ad Amazon. Chi ha detto che tu non possa creare qualcosa di altrettanto valido? Se hai un sogno (o magari più di uno), ti mancano solo gli strumenti adatti. Inizia ora!

Copyright 2019 © MondoLavoro
Un progetto DigitalSense