ESPLORA
Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Lavorare in Cina, tutto quello che bisogna sapere
La Cina sembra essere una delle mete preferite per chi vuole costruire il proprio futuro lavorativo all’estero: buone opportunità di lavoro per stranieri, stipendi alti, qualità della vita e possibilità di carriera sono alcuni dei motivi.

L’economia della repubblica Popolare Cinese è letteralmente decollata a partire dagli anni Ottanta grazie all’introduzione di nuove tecnologie dall’estero e all’elevato accumulo di capitale da poter investire all’interno dell’economia. I settori trainanti dell’economia cinese sono quelli dell’edilizia e dell’industria, ma anche il settore terziario è tra i maggiori al mondo e rappresenta ben il 43 per cento del PIL totale: centri commerciali, ristoranti e strutture turistiche sono infatti in costante aumento.

Le offerte di lavoro per stranieri in Cina non mancano, soprattutto per chi ha competenze specifiche oppure per chi è alla ricerca di uno stage per fare esperienza, soprattutto nell’ambito dell’ingegneria, del commercio e della ristorazione, ma non mancano offerte di lavoro in altri settori e per tutti i livelli di esperienza.

Per poter lavorare in Cina ci sono diversi tipi di visti. Il visto Z/G, ad esempio, è riservato a chi avrà un’occupazione in Cina, il visto M è invece rilasciato a coloro che soggiornano in Cina per seguire attività commerciali, il visto R è per i professionisti altamente qualificati le cui competenze sono urgentemente richieste in Cina. Il visto X1/X2 è rilasciato a chi si reca in Cina per motivi di studio; il visto D, infine, è per la residenza permanente in Cina. Tutte le informazioni necessarie e la procedura corretta per richiedere il visto più indicato per le proprie esigenze possono essere trovate visitando il sito web ufficiale per i visti: www.visaforchina.org.

Gli stipendi in Cina sono abbastanza alti: il 10 per cento dei lavoratori stranieri più qualificati arriva a guadagnare circa 250 mila dollari e non mancano bonus e aumenti di stipendio. Da questo si può capire come la Cina investa moltissimo sui lavoratori stranieri altamente qualificati, soprattutto professionisti affermati e giovani promettenti in fase di formazione. Uno stipendio medio mensile per un lavoratore immigrato parte da circa 1.000 dollari.

Di contro, il costo della vita in Cina è abbastanza basso: per fare qualche esempio, un biglietto della metropolitana di Pechino costa l’equivalente di 0.20 euro, lo stesso presso di un bottiglia di acqua.
Anche se la lingua ufficiale è il cinese mandarino, spesso si richiede solamente una buona conoscenza della lingua inglese. La lingua cinese è comunque molto richiesta anche in Italia, soprattutto nel settore terziario, quindi sono molti i ragazzi e gli adulti da tutto il mondo che decidono di soggiornare per un certo periodo di tempo in Cina per imparare o perfezionare la lingua.

STANNO CERCANDO TE!

Questo articolo ti è stato utile?

Clicca sulle stelle per valutare l'articolo!

Siamo spiacenti che questo articolo non sia stato utile per te!

Con il tuo aiuto possiamo migliorarlo.

Immagina un mondo dove è il lavoro che ti cerca.
Non è più un sogno, ma un progetto a cui stiamo dando forma.

Copyright 2019 © MondoLavoro
Un progetto DigitalSense

Il mondo cambia in un battito di ciglia. Riesci a stare sempre sul pezzo? Se sei qui è perché sei curioso e questo è un ottimo primo passo. Proseguiamo l’avventura insieme!

Per te che non ti fermi alle apparenze e sei un tipo che va sempre oltre il titolo di un articolo online. Se vuoi scoprire di più (davvero), ma sei stanco del burocratese delle enciclopedie, questa è la tua sezione. 

Nessuno (Avengers a parte) nasce coi superpoteri. La buona notizia che ti diamo è che puoi acquistarli, col tempo e con l’impegno giusto. Come fare? Investi su di te, oggi.  

Jeff Bezos ha dato vita ad Amazon. Chi ha detto che tu non possa creare qualcosa di altrettanto valido? Se hai un sogno (o magari più di uno), ti mancano solo gli strumenti adatti. Inizia ora!

Copyright 2019 © MondoLavoro
Un progetto DigitalSense