ESPLORA
Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Lavorare nella ricerca: quali opportunità?

Il ricercatore ha un ruolo centrale nelle società moderne. La ricerca è un grande contributo allo sviluppo dell’economia di ogni Paese e, per questo, dovrebbero essere garantite adeguate opportunità di lavoro nella ricerca.

Svariate analisi economiche negli anni hanno dimostrato che la ricerca finanziata con risorse pubbliche ha prodotto un tasso di ritorno elevato, tra il 20% e il 60%.

La ricerca serve a incrementare le conoscenze, a mettere a punto nuove metodologie e nuovi strumenti, a creare nuove imprese (spin-off). E non stiamo parlando solo di ricerca universitaria ma anche di quella portata avanti da organismi pubblici come il Cnr in Italia che promuove convegni, organizza corsi, realizza articoli e pubblica libri, che insegna nelle Università e, non da ultimo, si impegna a fornire risposte a quesiti scientifici in occasione di eventi particolari posti all’attenzione dei cittadini come fenomeni ambientali e climatici.

Eppure nessuno si stupirà se affermiamo che in Italia si è fatto e si fa poco per creare opportunità di lavoro nella ricerca che siano facilmente accessibili, economicamente premianti e adeguate in quanto a finanziamenti stanziati. All’estero si sta decisamente meglio: stipendi più alti, maggiori opportunità di lavoro nella ricerca. La cosiddetta “fuga di cervelli” non è mai terminata: l’Icom, istituto per la competitività, ha calcolato in una recente indagine che negli ultimi 20 anni l’Italia ha perso circa 4 miliardi di euro, cifra corrispondente alle 155 domande di brevetto depositate nelle quali l’inventore principale è nella lista dei top 20 italiani all’estero e ad altri 301 brevetti ai quali, diversi ricercatori italiani emigrati all’estero, hanno contribuito come membri del team di ricerca. Tali brevetti sono arrivati in vent’anni a un valore vicino ai 4 miliardi euro. Per sintetizzare: se questi cervelli fossero rimasti in Italia, se avessero avuto maggiori opportunità di lavoro nella ricerca, il nostro Paese sarebbe oggi più ricco e competitivo.

Quali prospettive, allora, per chi rimane? Quali le opportunità di lavoro nella ricerca? Non tutto sembra perduto: nonostante la scarsità di stanziamenti e di “cervelli” che scelgono di rimanere in Italia sembra che i nostri ricercatori siano altamente produttivi, facendo addirittura risultare la ricerca scientifica italiana superiore alla media dei Paesi europei per indice di produttività.

Come a dire che chi resta si dà da fare e non poco. Ma quali sono le reali opportunità, in Italia, per trovare lavoro nella ricerca? E quali sono i riferimenti cui appoggiarsi? Sul web le risorse sono notevoli. Doverose premesse, per trovare lavoro nella ricerca bisogna essere laureati e aver magari conseguito un dottorato di ricerca utile per avviarsi alla carriera universitaria e alla borsa si accede tramite concorso.

I bandi di concorso, finalizzati a trovare opportunità di lavoro nella ricerca, sono banditi da enti universitari ed enti di ricerca. Facciamo qualche esempio: sul sito del Murst, il sito pubblico delle valutazioni comparative per il reclutamento di professori e ricercatori che fa capo al Miur, Ministero dell’istruzione, università e ricerca, si possono ricercare i concorsi indetti per vari tipi di ricercatori: una breve ma esauriente descrizione rimanda poi al sito dell’ente o dell’istituzione che ha indetto il concorso. Opportunità di lavoro nella ricerca anche sul sito del Cnr, il Centro Nazionale delle Ricerche, che prevede una sezione dedicata ai concorsi indetti dallo stesso organismo con elencate nel dettaglio le modalità di partecipazione.

Ogni università, inoltre, prevede in genere una sezione apposita dedicata ai concorsi, basta andare sul sito dell’ateneo e sfogliare tra i bandi e i concorsi. Altre opportunità di lavoro nella ricerca dalla Crui, Conferenza dei Rettori delle Università Italiane, che offre sul suo sito una sezione sui bandi di concorso nelle università aperti anche a persone non interne all’ateneo; inoltre è disponibile un elenco dei bandi di concorso pubblicati dagli atenei italiani.

STANNO CERCANDO TE!

Questo articolo ti è stato utile?

Clicca sulle stelle per valutare l'articolo!

Siamo spiacenti che questo articolo non sia stato utile per te!

Con il tuo aiuto possiamo migliorarlo.

Immagina un mondo dove è il lavoro che ti cerca.
Non è più un sogno, ma un progetto a cui stiamo dando forma.

Copyright 2019 © MondoLavoro
Un progetto DigitalSense

Il mondo cambia in un battito di ciglia. Riesci a stare sempre sul pezzo? Se sei qui è perché sei curioso e questo è un ottimo primo passo. Proseguiamo l’avventura insieme!

Per te che non ti fermi alle apparenze e sei un tipo che va sempre oltre il titolo di un articolo online. Se vuoi scoprire di più (davvero), ma sei stanco del burocratese delle enciclopedie, questa è la tua sezione. 

Nessuno (Avengers a parte) nasce coi superpoteri. La buona notizia che ti diamo è che puoi acquistarli, col tempo e con l’impegno giusto. Come fare? Investi su di te, oggi.  

Jeff Bezos ha dato vita ad Amazon. Chi ha detto che tu non possa creare qualcosa di altrettanto valido? Se hai un sogno (o magari più di uno), ti mancano solo gli strumenti adatti. Inizia ora!

Copyright 2019 © MondoLavoro
Un progetto DigitalSense