MENU
CONOSCI
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Licenziamento per giusta causa, tutto quello che c’è da sapere
Cos’è il licenziamento per giusta causa? Questo tipo di provvedimento è una cessazione del rapporto lavorativo voluto dal datore di lavoro a causa di una grave mancanza del lavoratore, tanto grave da non permettere che il rapporto professionale possa proseguire.

Per essere tale, il licenziamento per giusta causa deve essere quindi deciso, anche senza preavviso, dopo un fatto che fa venire meno l’indispensabile rapporto di fiducia tra il datore di lavoro e il dipendente.

Come accertare la giusta causa del licenziamento? Da alcune pronunce, anche recenti, della Corte di Cassazione, viene precisato che per accertare la giusta causa del licenziamento è necessario esaminare il comportamento del dipendente e, caso per caso, valutarlo in relazione alla gravità del fatto, anche in base alle mansioni svolte dal dipendente. E’ inoltre necessario accertare l’elemento doloso o colposo dell’accaduto.
Perché ci sia giusta causa per il licenziamento non è necessario che il danno sia materiale: la “giusta causa” può essere anche rappresentata dall’inaffidabilità professionale nello svolgere le proprie mansioni.

Dal punto di vista operativo, per mettere in atto il licenziamento per giusta causa è necessario che il provvedimento sia intimato dal datore del lavoro o da un suo rappresentante legale, ma anche da un soggetto legittimato a farlo in base alla distribuzione del potere di gestione del personale; in questo caso il provvedimento non è nullo, ma deve comunque essere ratificato o annullato dal datore di lavoro.

La comunicazione del licenziamento per giusta causa deve comunque essere data obbligatoriamente in forma scritta, non sono previste altre forme di comunicazione alternative come, ad esempio, l’affissione nei locali dell’azienda oppure sulla porta dell’ufficio del dipendente.
In ogni caso, il lavoratore che è stato oggetto del licenziamento per giusta causa può richiedere al datore di lavoro il motivo del provvedimento entro 15 giorni dalla ricezione della comunicazione del licenziamento.
Dal punto di vista normativo, le fondamenta del licenziamento con giusta causa possono essere fatte risalire ex art. 2119 c.c. che stabilisce che il datore di lavoro può recedere dal contratto di lavoro anche senza preavviso nel caso in cui si verifichi un comportamento o un fatto che non consenta la prosecuzione del rapporto di lavoro.

STANNO CERCANDO TE!

Questo articolo ti è stato utile?

Clicca sulle stelle per valutare l'articolo!

Voto medio / 5. Conteggio voti:

Siamo spiacenti che questo articolo non sia stato utile per te!

Con il tuo aiuto possiamo migliorarlo.

Immagina un mondo dove è il lavoro che ti cerca.
Non è più un sogno, ma un progetto a cui stiamo dando forma.

Copyright 2019 © MondoLavoro
Un progetto DigitalSense

Il mondo cambia in un battito di ciglia. Riesci a stare sempre sul pezzo? Se sei qui è perché sei curioso e questo è un ottimo primo passo. Proseguiamo l’avventura insieme!

Per te che non ti fermi alle apparenze e sei un tipo che va sempre oltre il titolo di un articolo online. Se vuoi scoprire di più (davvero), ma sei stanco del burocratese delle enciclopedie, questa è la tua sezione. 

Nessuno (Avengers a parte) nasce coi superpoteri. La buona notizia che ti diamo è che puoi acquistarli, col tempo e con l’impegno giusto. Come fare? Investi su di te, oggi.  

Jeff Bezos ha dato vita ad Amazon. Chi ha detto che tu non possa creare qualcosa di altrettanto valido? Se hai un sogno (o magari più di uno), ti mancano solo gli strumenti adatti. Inizia ora!

Copyright 2019 © MondoLavoro
Un progetto DigitalSense

NON AVERE FRETTA!

Iscrivendoti alla nostra newsletter riceverai una volta ogni 15 giorni gli articoli del blog che hanno avuto più successo tra i lettori di MONDOLAVORO.
È un’opportunità, è gratuita, è riservata a chi desidera un’informazione libera e competente.