ESPLORA

Il mondo cambia in un battito di ciglia. Riesci a stare sempre sul pezzo? Se sei qui è perché sei curioso e questo è un ottimo primo passo. Proseguiamo l’avventura insieme!

In questo articolo

REALIZZA
Mobbing sul lavoro, come riconoscerlo e come difendersi

Mobbing sul lavoro, come riconoscerlo e come difendersi

Mobbing: un problema da non sottovalutare. Ma come capire se si è vittima di mobbing e quali sono i consigli e le strategie da mettere in atto per tutelarsi sul posto di lavoro?

In questo articolo

Il mobbing consiste in continue persecuzioni sul posto di lavoro, messe in atto da colleghi e superiori. Per capire se si è vittima di mobbing è sufficiente osservare alcuni parametri: il cosiddetto “mobber”, cioè il persecutore, tormenta continuamente la sua vittima con calunnie, critiche, rimproveri ingiusti, espressioni maliziose, minacce di violenza e assegnandole mansioni dequalificanti. Queste azioni devono essere ripetute con continuità per almeno sei mesi per essere considerate mobbing. Lo scopo di questo comportamento è sempre distruttivo e volto a indurre alle dimissioni una persona che viene ritenuta “scomoda”.

Ad essere a rischio mobbing sono, inutile dirlo, le persone più sensibili o con un profilo culturale medio alto, per la maggior parte donne. Gli ambienti più a rischio? In genere quello della scuola e le forze armate.

Per approfondire questa tematica potreste leggere alcuni testi sull’argomenti, di cui uno disponibile esclusivamente in formato digitale.

[amazon box=”B0089HIK4E,8829930105,8815258116″ grid=”3″]

Cosa fare se si è vittima di mobbing? Per prima cosa è necessario rivolgersi ad un centro mobbing delle Asl locali, che solitamente sono gratuiti anche se i spesso i tempi d’attesa sono piuttosto lunghi, per accertarsi dal punto di vista medico legale che le persecuzioni sul posto di lavoro si configurino realmente come mobbing. Dopodichè ci si può rivolgere ad un avvocato e, nel frattempo, raccogliere quante più prove possibili: mail, documenti, testimonianze. Il danno viene quantificato da un medico legale in base alle tabelle del danno biologico aggiornate del Tribunale di Milano o Roma, valutando caso per caso anche in base ad altri parametri.

Il mobbizzato viene continuamente aggredito in diversi modi, che tendono alla distruzione professionale, sociale e psicologica della vittima, che viene isolata ed emarginata all’interno del posto di lavoro. Gli effetti del mobbing sulla vittima sono spesso devastanti: danni psicologici e psicofisici anche permanenti, sintomi psicosomatici, depressione e, a volte, addirittura il suicidio. In Svezia, ad esempio, il 10-20 per cento dei suicidi sarebbe riconducibile al mobbing. In questo Paese il mobbing è stato dichiarato reato punibile e i suoi effetti sono stati riconosciuti come malattia professionale, ma l’Italia, purtroppo, non è altrettanto all’avanguardia.

La possibilità di vincere la causa di mobbing dipende molto dal giudice, ma bisogna tenere in considerazione che per avere un esito qualsiasi sarà necessario aspettare almeno due o tre anni.
In Italia si calcola che il fenomeno interessi circa un milione di lavoratori, molti dei quali sono già ricorsi in giudizio per le vessazioni subito sul posto di lavoro: alcune sentenze di risarcimento sono già state pronunciate, ma la strada per arrivare al riconoscimento del mobbing come reato e dei suoi effetti come malattia professionale risarcibile è ancora lunga e tortuosa.

 

Questo articolo ti è stato utile?

Clicca sulle stelle per valutare l'articolo!

Siamo spiacenti che questo articolo non sia stato utile per te!

Con il tuo aiuto possiamo migliorarlo.

Puoi indicarci come?

0
(0)
Potrebbero interessarti anche...
esplora
Scelta universitaria: ecco le lauree più richieste
esplora
Corso gratuito per Gastronomo
esplora
I lavori invernali per chi ama il freddo
esplora
Un curriculum internazionale per lavorare all’estero