MENU
POTENZIA
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
whiteBorder
POTENZIA
Potenziare il profilo Linkedin per raggiungere il lavoro dei sogni
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Potenziare il profilo Linkedin per raggiungere il lavoro dei sogni
Tutti lo conoscono, molti sono iscritti e pochi sanno usarlo per davvero: il caro vecchio social network per professionisti, Linkedin è una risorsa quanto una palla al piede. Quest’arma a doppio taglio, dipende infatti del tutto da come la si sfrutta per valorizzare il proprio profilo. Infatti, possedere un account e non prendersene cura, è un po’ come comprare una pianta e poi aspettare che muoia perché non si ha voglia di darle l’acqua. Allora: siete pronti a capire tutti i segreti di questa piattaforma e trovare il lavoro dei vostri sogni?

Linkedin: un lavoro per trovare lavoro

Tante volte abbiamo sentito la frase “Linkedin non serve a niente!”, ma è simile alla storia della volpe con l’uva: in realtà basta rimboccarsi un po’ le maniche per capire che questo social può servire eccome. Quindi, sii il tuo primo datore di lavoro e datti da fare: prima mansione, dare un tocco personale all’url del tuo profilo.

Per colpire l’occhio dei reclutatori, è bene distinguersi dagli altri candidati e non dare l’idea di essersi iscritti a tempo perso sulla piattaforma: siete professionisti, consapevoli della vostra unicità. Trasmettetela con un url non generico e farà già una bella differenza.

Le prime impressioni contano

È un dato di fatto che gli account dotati di foto, ricevano un maggior numero di proposte rispetto a chi vuole restare anonimo. Perché? Beh: affidereste i vostri soldi a qualcuno che non avete neppure visto in faccia? Presentarsi online solo affidandosi al proprio curriculum, per quanto possa avere nobili principi alle spalle, non è una buona strategia: suggerisce che abbiate qualcosa da nascondere e anche una certa insicurezza. Quindi, scegliete un outfit fresco, professionale – senza esser ingessati – e piazzatela come biglietto da visita su Linkedin.

Dove sei?

La geolocalizzazione è fondamentale sia nel caso in cui voi siate in piena caccia, sia invece che abbiate già la vostra rete professionale ben consolidata. Sapere dove lavorate, aiuta di sicuro a farvi trovare da chi è alla ricerca di un profilo come il vostro nei paraggi.

Chi sei?

Linkedin mette a disposizione di creare una breve presentazione in cui descrivere il proprio ruolo in azienda. Appena sotto la foto profilo e il nome, questo Sommario deve esser un invito all’esser contattati: chiaro, originale e creativo, far emergere la propria personalità senza esagerare, è il metodo più semplice per farsi desiderare. Non solo: ricorda anche di inserire le parole chiave che descrivono la tua professionalità! Così i recruiter potranno trovarti più facilmente!

Assieme al sommario, la sezione Riepilogo va trattata con lo stesso criterio: descrivere tutte le mansioni e le competenze professionali, senza esser troppo schematici. Focus sulle soft skills e sulle esperienze più rilevanti, magari raccontando i propri obiettivi futuri.

L’unione fa la forza

Non dimentichiamo che Linkedin è comunque un social network e, come tale, è possibile aderire a delle community. Degli spazi piuttosto importanti per stabilire nuove relazioni professionali nel proprio ambito lavorativo: attenzione solo a farsi notare in modo positivo all’interno di questi gruppi!

Non siate timidi

Linkedin si basa sulla creazione di nuovi collegamenti tra sconosciuti: per chi è un po’ timoroso ad accettare questo fattore aggregante, la piattaforma può non funzionare. Un consiglio: questo social non è un generatore di blind date imbarazzanti, ma un contenitore dove i professionisti entrano in contatto. Pensatela così: a un convegno di lavoro, rifiutereste mai il bigliettino da visita offerto da uno dei partecipanti?

Competenze e Referenze

Un cocktail perfetto per fare buona impressione alle aziende in fase di assunzione. Un profilo professionale interessante, è caratterizzato da almeno cinque competenze principali. Ma, come dimostrare che quello che c’è scritto non è tutto fumo e niente arrosto?

Via libera ai feedback positivi:  le segnalazioni lasciate da chi ha lavorato bene con noi e vogliono anche spendere due parole per raccontarlo, è un plus per il proprio profilo.

Parola d’ordine: Keyword

Anche gli account su Linkedin sono soggetti alle sacre regole di indicizzazione su Google. Stesso sistema di ricerca che funziona all’interno dello stesso portale, che mette in evidenza i profili in base alle parole chiave impostate. Per cui, è bene fare attenzione a quelle che descrivono meglio la propria identità professionale per inserirle nel Sommario e nel Riepilogo.

Non dimenticarti di te!

Costa fatica, ma ne vale la pena: se, dopo tutti gli sforzi sullo strutturare un profilo incisivo e attraente, poi vi dimenticate che esista, allora sarà come non aver lavorato per niente. La vostra vita offline è in continuo movimento e così dev’essere quella online: l’aggiornamento è determinante per non risultare troppo statici  a livello professionale. Inserite nuove esperienze, nuove attività, nuove competenze: tutto ciò che è novità o sintomo di una personalità dinamica che si informa anche sul proprio settore partecipando a eventi e condividendo contenuti attinenti, è ottimo per mantenere alto il valore del proprio account.

Bene, adesso che siete i Salvatore Aranzulla di Linkedin, passate dalla teoria alla pratica: prossimo step, trasformare questi semplici consigli in cambiamenti concreti: fotocamera in mano, giusti abiti e parole giuste, e via nel mondo dei professionisti senza paura.

 

Simonetta Spissu

STANNO CERCANDO TE!
Precedente
Successivo
LIBRI CONSIGLIATI

Questo articolo ti è stato utile?

Clicca sulle stelle per valutare l'articolo!

Siamo spiacenti che questo articolo non sia stato utile per te!

Con il tuo aiuto possiamo migliorarlo.