CONOSCI
Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Professioni del futuro: chi è il change manager e cosa fa
Il cambiamento, nella vita, è inevitabile: si cambia per crescere, per migliorare, per adattarsi a nuove condizioni e spesso chi rimane fermo, arroccato sulle sue posizioni, rischia di rimanere indietro o di sprecare opportunità preziose. Davanti alla prospettiva di un cambiamento c'è chi reagisce in maniera positiva e chi, invece, si blocca e rifiuta per il timore di non essere in grado di gestire una situazione nuova. E' inutile dire che questo atteggiamento, soprattutto per chi occupa un posto di responsabilità in ambito lavorativo, non è consigliabile: affrontare le sfide e cercare di migliorarsi continuamente, infatti, è spesso la carta vincente per un'azienda! Se però non si trova il coraggio di affrontare queste sfida da soli, è recentemente nata una figura professionale che si occupa proprio di questo: si tratta del change manager, un professionista specializzato proprio nello studiare soluzioni e intuire come metterle in pratica: vediamo chi è cosa fa un change manager.

Chi è il change manager
Con questo termine anglosassone si indica una figura professionale preziosa ma ancora rara in Italia: si tratta di un professionista che viene chiamato ad intervenire quando un’azienda è in vista di un cambiamento o si trova di fronte ad una situazione di crisi che impone un cambio di rotta.
In genere si tratta di un consulente esterno che, in un periodo di tempo più o meno lungo, è chiamato ad operare un cambiamento mettendo in campo le sue competenze organizzative, manageriali e gestionali. Un bravo change manager deve essere quindi in grado di far capire a tutti i dipendenti perché è necessaria una riorganizzazione interna di qualsiasi genere, motivando soprattutto chi è più diffidente e restio a interrompere lo stato attuale delle cose e adeguandosi con rapidità e in maniera strategica a qualsiasi mutamento della situazione.

Cosa fa il change manager
Il change manager è una figura professionale che per prima riconosce la necessità di un cambiamento all’interno di una azienda, sa definirlo e riesce anche a valutare la capacità di cambiare dell’organizzazione stessa. Per effettuare questo primo step, il change manager deve studiare l’azienda dall’interno, capendone i punti di forza e quelli di debolezza e analizzando le prestazioni di dirigenti e dipendenti per capire come rendere più efficiente e produttivo ogni processo.
Fatto questo, caso per caso deve saper individuare le strategie e gli strumenti più adatti per operare i cambiamenti che ha individuato come necessari, anche in rapporto al mercato e alle tecnologie esistenti, pianificando i vari passaggi e coinvolgendo le persone nell’intero processo, che deve essere graduale ma avere un traguardo ben preciso.
Insomma, riassumendo si può dire che il change manager deve avere ben chiaro il punto di partenza, il punto di arrivo e il percorso più agevole per raggiungerlo. Non è sempre facile: ogni realtà è un mondo a sé, che deve essere compresa fino in fondo prima di mettervi mano e decidere dove e come intervenire.

Per chi lavora il change manager?
Ci sono alcune grandi realtà industriali e aziendali che possono aver bisogno di una figura di questo genere all’interno del proprio organico, ma la maggior parte dei change manager lavora in società di consulenza, gestendo un buon numero di clienti e di progetti.
In Italia questa figura non è ancora molto diffusa, mentre nel mondo anglosassone rappresenta già da tempo una risorsa preziosa e praticamente indispensabile per gestire cambiamenti ad ogni livello aziendale, dando una direzione ben precisa all’intero processo e affrontando le eventuali difficoltà nel migliore dei modi.

Come diventare change manager?
La figura professionale del change manager deve avere innumerevoli competenze: deve conoscere alla perfezione i meccanismi che regolano i processi aziendali, deve essere esperto di new economy, avere buone capacità di pianificare strategie e di comunicarle a tanti soggetti diversi, convincendoli e motivandoli.
Competenze così trasversali sono in parte innate e in parte si possono acquisire con un percorso di studi adeguato: tra le facoltà più adatte allo scopo ci sono Economia e Commercio, Informatica, Management e Marketing e Scienze della Comunicazione.

Quanto guadagna un change manager?
In Italia questa figura è ancora poco conosciuta, ma ci si sta rendendo conto sempre di più della sua importanza. Questi specialisti riescono quindi ad avere buone opportunità di carriera e anche di stipendio, riuscendo a guadagnare cifre importanti grazie a ristrutturazioni aziendali da svariati milioni di euro: il successo di queste operazioni, infatti, dipende in buona parte dalle sue capacità e competenze.

STANNO CERCANDO TE!

Questo articolo ti è stato utile?

Clicca sulle stelle per valutare l'articolo!

Siamo spiacenti che questo articolo non sia stato utile per te!

Con il tuo aiuto possiamo migliorarlo.

Immagina un mondo dove è il lavoro che ti cerca.
Non è più un sogno, ma un progetto a cui stiamo dando forma.

Copyright 2019 © MondoLavoro
Un progetto DigitalSense

Il mondo cambia in un battito di ciglia. Riesci a stare sempre sul pezzo? Se sei qui è perché sei curioso e questo è un ottimo primo passo. Proseguiamo l’avventura insieme!

Per te che non ti fermi alle apparenze e sei un tipo che va sempre oltre il titolo di un articolo online. Se vuoi scoprire di più (davvero), ma sei stanco del burocratese delle enciclopedie, questa è la tua sezione. 

Nessuno (Avengers a parte) nasce coi superpoteri. La buona notizia che ti diamo è che puoi acquistarli, col tempo e con l’impegno giusto. Come fare? Investi su di te, oggi.  

Jeff Bezos ha dato vita ad Amazon. Chi ha detto che tu non possa creare qualcosa di altrettanto valido? Se hai un sogno (o magari più di uno), ti mancano solo gli strumenti adatti. Inizia ora!

Copyright 2019 © MondoLavoro
Un progetto DigitalSense