MENU
CONOSCI
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
whiteBorder
CONOSCI
Reddito di emergenza 2020: cos’è, come richiederlo, quando arriva
reddito di emergenza
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Reddito di emergenza 2020: cos’è, come richiederlo, quando arriva
reddito di emergenza
Da quando l'emergenza Coronavirus è scoppiata anche in Italia siamo vivendo una situazione che pochi di noi si sarebbero aspettati. Una delle maggiori preoccupazioni, con quasi tutte le attività ferme, è quella del reddito, soprattutto per le fasce di popolazione più deboli.

Cos’è il reddito di emergenza e perchè se ne sta parlando così tanto in questi giorni? Il Covid-19 sta stravolgendo le nostre abitudini quotidiane, costringendoci a trascorrere le giornate in casa piuttosto che sul posto di lavoro. Chi di noi non può lavorare in modalità smart working si è visto costretto in molti casi a rinunciare al proprio lavoro.
Nonostante il Governo si sia immediatamente attivato con diverse misure a favore dei lavoratori, delle aziende, dei liberi professionisti e delle famiglie, ci sono ancora delle fasce di popolazione che sembrano escluse da queste forme di sostegno. Paradossalmente sono proprio quelle più deboli e che si trovano ad affrontare le maggiori difficoltà economiche.

Proprio per questo motivo si è cominciato a parlare di reddito di emergenza, ovvero di un bonus dedicato ai circa 3 milioni di cittadini italiani che non riescono ad usufruire delle forme di sussidio individuate finora e che quindi di trovano in una situazione di forte difficoltà. In attesa dell’uscita del decreto aprile 2020, che dovrebbe sancire questa ulteriore misura per affrontare l’emergenza Coronavirus, vediamo cosa c’è da sapere.

Cos’è il Rem 2020

Nei giorni scorsi il Ministro del Lavoro Nunzia Catalfo ha confermato pubblicamente che il Governo sta lavorando ad un reddito di emergenza destinato a tutti gli italiani che si trovano ad affrontare l’emergenza Coronavirus senza poter usufruire delle misure già disponibili ad oggi.

C’è una parte di cittadini che in questo momento non ha alcun sostegno, dovrebbero essere circa 3 milioni. – spiega la stessa Nunzia Catalfo – Stiamo valutando la platea e l’impatto. Quindi per tutte queste persone che non hanno altri sostegni al reddito sarà previsto il reddito di emergenza, che le aiuterà in questo periodo anche di crisi economica”.

Si tratterebbe in pratica di un vero e proprio reddito destinato a chi in questo momento non ha nessuna forma di sostegno sociale. Questa misura costerà da sola circa 3 miliardi di euro e andrà in soccorso di circa 3 milioni di cittadini, anche se non è escluso che questa platea possa ulteriormente allargarsi a causa del perdurare dell’emergenza sanitaria.

Reddito di emergenza Inps, a chi spetta

La platea del reddito di emergenza 2020 è ancora in fase di definizione, ma vi dovrebbero rientrare tutti i lavoratori che attualmente non sono coperti dagli ammortizzatori sociali e dai bonus previsti finora per affrontare l’emergenza Coronavirus. Tra questi ci potrebbero essere, ad esempio:

  • colf, badanti e baby sitter;
  • lavoratori a chiamata impiegati nel cosiddetto fast job;
  • i cittadini con ammortizzatori sociali in scadenza e non rinnovabili, come Naspi o Dis-Coll, che difficilmente potranno trovare lavoro in questo periodo;
  • precari;
  • lavoratori intermittenti;
  • lavoratori stagionali.

Reddito di emergenza lavoratori in nero

Il Ministro Catalfo ha assicurato che in qualche modo rientreranno in questa misura anche i lavoratori irregolari e quelli che lavorano in nero, che in questo momento di trovano privi di qualsiasi sostegno.
Il lavoro in nero non dovrebbe esistere – spiega Nunzia Catalfo – ma purtroppo il lavoro sommerso è una piaga che c’è. È chiaro che a tutte quelle persone che per vari motivi si trovano in una situazione di emergenza dobbiamo pensare. Dunque per tutte le persone senza reddito è previsto un reddito di emergenza”.

Rem 2020, quanto spetta e quanto dura?

In questo momento si parla di una cifra di 500 euro al mese per due mesi, quindi di 1.000 euro in totale, che presumibilmente saranno erogati a fine maggio. Ricordiamo che tutto ciò che riguarda il reddito di emergenza dovrà essere confermato nel prossimo decreto.

Reddito di emergenza richiesta e requisiti

Al momento non è ancora possibile richiedere il reddito di emergenza 2020: nel momento in cui questa misura verrà eventualmente ufficializzata dal nuovo decreto si potrà capire quale sarà la procedura da seguire per fare la propria richiesta e quale sarà il modulo per il reddito di emergenza da compilare.
Per ora pare che l’unico requisito accertato sia l’assenza di altre forme di sostegno o di altri ammortizzatori sociali; con il varo del decreto vedremo se verranno messi ulteriori paletti da rispettare.

LIBRI CONSIGLIATI

Questo articolo ti è stato utile?

Clicca sulle stelle per valutare l'articolo!

Siamo spiacenti che questo articolo non sia stato utile per te!

Con il tuo aiuto possiamo migliorarlo.

Puoi indicarci come?

Altri articoli che potrebbero interessarti