POTENZIA
Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Sfruttare al meglio uno stage e trasformarlo in un lavoro fisso, ecco come fare
Entrare in un’azienda con un contratto di stage è un’ottima occasione non solo per acquisire nuove competenze, ma anche per cercare di farsi notare in maniera positiva e trasformare così lo stage in un posto di lavoro. Non sempre c’è la possibilità di essere assunti immediatamente, ma dare il meglio di sé e mettere in pratica alcune piccole accortezze farà sì che i superiori si ricordino di voi non appena ci saranno posizioni aperte in azienda.

La prima cosa da fare quando si entra in una realtà come stagista è quella di dimostrarsi interessati all’azienda e alle sue attività: fare domande, chiedere chiarimenti, prendere appunti e dimostrarsi curiosi anche in ambiti non direttamente correlati a quello di proprio interesse professionali sono sicuramente atteggiamenti che verranno notati positivamente. Anche adeguarsi alla vita aziendale è un punto a favore di ogni tirocinante, quindi rispettare gli stessi orari di lavoro a cui si attengono i colleghi, sforzarsi di imparare subito i loro nomi, non vestirsi in maniera non consona all’ambiente di lavoro e non creare screzi tra colleghi sono comportamenti da mettere in atto se si desidera trasformare il proprio stage in un vero e proprio lavoro.

Un altro atteggiamento vincente? Mostrarsi proattivi: uno stagista che chiede che gli vengano assegnati nuovi progetti professionali o che ne proponga in maniera educata e senza criticare l’operato di colleghi e superiori sarà sicuramente apprezzato. E’ necessario tenere a mente che lo scopo di uno stage è quello di sviluppare nuove competenze. Non bisogna quindi limitarsi a quello che si sa già fare, ma ci si può proporre anche per compiti mai svolti prima, eventualmente chiedendo aiuto a chi è già in grado di eseguirli. Se qualcosa andasse storto siate comunque positivi e professionali: spesso si è valutati anche per come si reagisce in queste situazioni.

Infine fate network con i colleghi, frequentateli anche al di fuori dell’orario di lavoro, condividete qualcosa con loro: una persona capace di instaurare un buon rapporto con i propri colleghi sarà certamente un membro apprezzato del team, capace di lavorare in squadra in maniera serena ed efficiente. Lo stage, inoltre, è anche un’occasione di crescita personale, oltre che professionale: crearsi una rete di nuove conoscenze è sempre piacevole, oltre che utile.

Nonostante questi accorgimenti lo stage si è concluso senza un’assunzione? Ringraziate superiori e colleghi per il periodo trascorso insieme, lasciate loro i vostri recapiti e, di tanto in tanto, fatevi sentire ricordando loro che siete disponibili ad una nuova esperienza professionale in azienda qualora si aprissero nuove posizioni lavorative.

STANNO CERCANDO TE!

Questo articolo ti è stato utile?

Clicca sulle stelle per valutare l'articolo!

Siamo spiacenti che questo articolo non sia stato utile per te!

Con il tuo aiuto possiamo migliorarlo.

Immagina un mondo dove è il lavoro che ti cerca.
Non è più un sogno, ma un progetto a cui stiamo dando forma.

Copyright 2019 © MondoLavoro
Un progetto DigitalSense

Il mondo cambia in un battito di ciglia. Riesci a stare sempre sul pezzo? Se sei qui è perché sei curioso e questo è un ottimo primo passo. Proseguiamo l’avventura insieme!

Per te che non ti fermi alle apparenze e sei un tipo che va sempre oltre il titolo di un articolo online. Se vuoi scoprire di più (davvero), ma sei stanco del burocratese delle enciclopedie, questa è la tua sezione. 

Nessuno (Avengers a parte) nasce coi superpoteri. La buona notizia che ti diamo è che puoi acquistarli, col tempo e con l’impegno giusto. Come fare? Investi su di te, oggi.  

Jeff Bezos ha dato vita ad Amazon. Chi ha detto che tu non possa creare qualcosa di altrettanto valido? Se hai un sogno (o magari più di uno), ti mancano solo gli strumenti adatti. Inizia ora!