MENU
POTENZIA
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
whiteBorder
POTENZIA
Tirocini formativi all’estero: ecco il progetto EDU-care
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Tirocini formativi all’estero: ecco il progetto EDU-care

Trascorrere un periodo all’estero sia per motivi di studio che per lavoro rappresenta il modo migliore per acquisire nuove competenze professionali e migliorare le proprie conoscenze linguistiche. Purtroppo, infatti, a causa dei tempi particolarmente difficili, spesso questa rimane l’unica cosa da fare nella speranza di poter trovare maggiore fortuna fuori dai confini nazionali o, comunque, poter ritornare in Italia con un’esperienza che di certo aumenterà le possibilità di trovare un’occupazione in linea con la propria preparazione. Se state riflettendo sul cosa fare in proposito, un’interessante occasione di tirocini formativi all’estero delle durata di ben 13 settimane è offerta dal Comune di Firenze mediante il progetto EDU-care, facente parte dei bandi del programma Leonardo.

Obiettivo fondamentale del progetto EDU-care, Esperienze di mobilità per educatori sociali e animatori socio-educativi, è quello di favorire ed incrementare le azioni di mobilità mediante la possibilità data ai giovani di partecipare alla selezione per svolgere dei tirocini formativi all’estero nell’ambito del sociale. Come per il progetti che rientrano nei bandi del programma Leonardo, si cerca di sostenere coloro che partecipano a queste attività di formazione in modo che possano acquisire nuove competenze e qualifiche indispensabili non solo per il proprio sviluppo personale, ma affinché si possa diventare sempre più competitivi all’interno di un mercato del lavoro in continua evoluzione e sempre più esigente.

Il Comune di Firenze grazie al contributo economico di oltre 130 mila euro, ha promosso lo svolgimento di ben 45 tirocini formativi all’estero da svolgersi presso una delle numerose organizzazioni partner dei Paesi aderenti all’iniziativa. Nello specifico i posti sono ripartiti nel seguente modo: 6 in Portogallo, 6 nel Regno Unito, 13 in Spagna e 20 a Malta. Secondo quanto specificato nel bando di concorso del progetto EDU-care, i fortunati partecipanti riceveranno un contributo complessivo compreso tra i 450 e i 500, variabile in base alla propria destinazione e che sarà erogato alla fine del periodo di mobilità. Tale importo sarà necessario per coprire principalmente le spese di viaggi ed il costo dei trasporti locali, mentre l’ente promotore garantisce il pagamento dell’alloggio, l’assistenza organizzativa all’estero, un servizio di tutoraggio linguistico che sarà svolto 2 settimane prima della data prevista di partenza.
Mediante il contributo saranno finanziati anche altri servizi come il Placement presso imprese, enti pubblici ed organizzazioni nel Paese di destinazione, la presenza di un referente a disposizione dei partecipanti all’estero, ma anche l’implementazione ECVET, cioè la messa in trasparenza delle competenze tecnico-professionali acquisite dai partecipanti durante il tirocinio formativo ed il rilascio della Certificazione Europass Mobility a conclusione del progetto. Naturalmente gli ambiti professionali di riferimento del progetto EDU-care in cui verranno svolti i tirocini formativi all’estero riguardano vari servizi socio-educativi come ad esempio l’accoglienza ed il sostegno psicologico, servizi di prevenzione e di contrasto dell’esclusione e della marginalità sociale, servizi educativi di strada, attività rivolte agli immigrati, gestione di strutture residenziali per minori, anziani e disabili e molto altro.

Il progetto EDU-care si rivolge a diplomati, laureati o lavoratori con un’età massima di 35 anni che siano residenti o domiciliati in Toscana. Da sottolineare che possono partecipare alla selezione anche i cittadini comunitari ed extracomunitari che abbiano la residenza anche solo temporanea nella regione a patto che non provengano dallo stesso Paese di destinazione del tirocinio. Nel rispetto della legge sulle pari opportunità inoltre, la metà dei posti disponibili è destinato alle donne che desiderano svolgere dei tirocini formativi all’estero. La valutazione delle candidature sarà effettuata da una commissione nominata direttamente dal comune di Firenze e si concluderà un mese dopo dalla scadenza del bando, fissata per il 3 gennaio 2014. Nel caso in cui sia necessario accertarsi delle competenze linguistiche dei candidati, la commissione potrà organizzare ulteriori test scritti e colloqui orali.

Se desiderate svolgere uno dei tirocini formativi all’estero messi a disposizione dal progetto EDU-care, vi basterà inviare il modulo scaricabile direttamente dal sito internet dedicato al progetto insieme al curriculum vitae e ad una copia del documento di identità, all’indirizzo: [email protected] Per avere maggiori informazioni è sufficiente collegarsi al seguente sito internet.

 

Elisa Stampa

STANNO CERCANDO TE!
Precedente
Successivo
LIBRI CONSIGLIATI

Questo articolo ti è stato utile?

Clicca sulle stelle per valutare l'articolo!

Siamo spiacenti che questo articolo non sia stato utile per te!

Con il tuo aiuto possiamo migliorarlo.