ESPLORA
Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Tutti i “trucchi” per rispondere agli annunci di lavoro

Dopo cinque anni di fatiche e sudore sui libri finalmente ce l’avete fatta, e ora che vi siete laureati vi ritrovate a cercare lavoro nel pieno della crisi economica.

Come iniziare senza perdersi subito d’animo? È bene sapere che il mezzo più utilizzato dalle aziende o dalle società di selezione per la ricerca del personale è quello degli annunci di lavoro. Compaiono sui differenti organi di stampa, dai quotidiani ai periodici, oppure sui siti internet specializzati come mondolavoro.it. Sempre più aziende oggi scelgono di utilizzare gli annunci gratuiti di lavoro disponibili sui diversi portali (cartacei o informatici) per risparmiare tempo e denaro nella ricerca di nuovo personale. E se rispondere ad annunci di lavoro è ancora il modo più diffuso per cercare un impiego, va detto che solo una parte di coloro che cercano occupazione la trovano attraverso gli annunci lavoro: in Italia siamo su percentuali che vanno dal 7 al 15%. Quindi non caricate di aspettative eccessive gli annunci di lavoro gratis che trovate sui giornali o sui portali ma, allo stesso tempo, non sprecate un’opportunità che potrebbe rivelarsi preziosa. Piuttosto, mettete insieme la ricerca di annunci lavoro fatti su misura per voi con altri approcci di ricerca, come portare di persona il vostro cv all’azienda nella quale vi piacerebbe lavorare o contattare.

Tornando agli annunci gratuiti lavoro che trovate sui giornali è bene sapere che le inserzioni pubblicate possono essere suddivise in due tipologie: i “piccoli” annunci di lavoro e gli annunci di lavoro che riguardano la ricerca di personale qualificato.

I “piccoli” annunci si trovano di solito nelle pagine delle inserzioni economiche dei quotidiani oppure nella sezione dedicata al “cerco/offro lavoro” dei periodici o dei portali web specializzati in annunci di lavoro gratis. Questi annunci sono direttamente pubblicati dall’azienda, spesso in forma anonima, e riportano in estrema sintesi dati sull’impresa, sui requisiti e sul profilo ricercato. Spesso i “piccoli” annunci gratuiti lavoro, però, nascondono “insidie” dalle quali è bene guardarsi per non incorrere in brutte sorprese. Non è raro, infatti, imbattersi in offerte di aziende poco serie che prospettano grandi possibilità di carriera e di guadagno e che, alla resa dei conti, si rivelano ingannevoli. Di solito queste aziende sono poco chiare circa il profilo ricercato e utilizzano formule “standard” per nascondere il vero contenuto della posizione offerta. Quindi leggete con attenzione e “studiate” anche le diverse modalità di scrittura degli annunci: scovare gli annunci “truffaldini” è anche una questione di…allenamento! Al di là delle insidie, però, i “piccoli” annunci possono essere efficaci per trovare un lavoro temporaneo, part-time o stagionale (baby sitting, lezioni private, camerieri per i week-end…) che permette comunque di guadagnare qualche soldo per le vacanze o per rendersi più indipendenti durante gli studi.

Esiste anche un’altra tipologia di annuncio di lavoro (gratis o a pagamento per le aziende, dipende dai portali utilizzati o dallo spazio sui giornali che le imprese vogliono ritagliarsi), ed è quella relativa alla ricerca di personale qualificato. Ovvero quello che fa per voi se, dopo la laurea, siete alla ricerca dell’impiego fatto su misura. Anche questo tipo di annunci possono essere pubblicati direttamente dall’azienda o dalla società di selezione incaricata nella ricerca. Di solito un annuncio di ricerca di personale qualificato è strutturato in quattro parti e riporta: le caratteristiche dell’azienda, ossia una descrizione sintetica del settore di attività in cui l’impresa opera, il tipo di qualifica ricercata, il profilo del candidato ovvero i requisiti richiesti e l’offerta vera e propria, ossia il livello di inquadramento, la fascia retributiva, eventuali benefits.

Ora, dunque, non vi resta che rispondere. Allegate il cv, la lettera motivazionale e, anche se sembra scontato, fate attenzione alla grammatica: un’acca di troppo o un accento dimenticato potrebbero costarvi davvero troppo cari.

Autore: Redazione di Mondolavoro.it

© Copyright 2011-2021 Mondolavoro.it – All Rights Reserved

STANNO CERCANDO TE!

Questo articolo ti è stato utile?

Clicca sulle stelle per valutare l'articolo!

Siamo spiacenti che questo articolo non sia stato utile per te!

Con il tuo aiuto possiamo migliorarlo.

Immagina un mondo dove è il lavoro che ti cerca.
Non è più un sogno, ma un progetto a cui stiamo dando forma.

Copyright 2019 © MondoLavoro
Un progetto DigitalSense

Il mondo cambia in un battito di ciglia. Riesci a stare sempre sul pezzo? Se sei qui è perché sei curioso e questo è un ottimo primo passo. Proseguiamo l’avventura insieme!

Per te che non ti fermi alle apparenze e sei un tipo che va sempre oltre il titolo di un articolo online. Se vuoi scoprire di più (davvero), ma sei stanco del burocratese delle enciclopedie, questa è la tua sezione. 

Nessuno (Avengers a parte) nasce coi superpoteri. La buona notizia che ti diamo è che puoi acquistarli, col tempo e con l’impegno giusto. Come fare? Investi su di te, oggi.  

Jeff Bezos ha dato vita ad Amazon. Chi ha detto che tu non possa creare qualcosa di altrettanto valido? Se hai un sogno (o magari più di uno), ti mancano solo gli strumenti adatti. Inizia ora!

Copyright 2019 © MondoLavoro
Un progetto DigitalSense