MENU
CONOSCI
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
whiteBorder
CONOSCI
Professioni senza albo: regole, certificazioni di qualità e guadagni
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Professioni senza albo: regole, certificazioni di qualità e guadagni

Fotografi e informatici, certificatori energetici, amministratori di condominio e pubblicitari, ma anche massaggiatori, osteopati e maestri di yoga. Queste e molte altre professioni sono accomunate dal fatto di non prevedere per i propri operatori l’iscrizione ad un albo professionale o ad un collegio. Secondo la legge, questi lavoratori senza albo svolgono “attività economiche anche organizzate, volte alla prestazione di servizi o di opere a favore di terzi esercitate mediante prevalente lavoro intellettuale, non riservate per legge a soggetti iscritti a albi o elenchi”.

In Italia si stima che siano circa 3 milioni le persone impiegate nelle 150 e più professioni che non prevedono un esame di stato per poter entrare a far parte di un ordine professionale.
Tra questi ci sono sicuramente lavoratori molto capaci e altri che lavorano in maniera più approssimativa: come capire a chi affidarsi minimizzando la possibilità di incorrere in brutte sorprese? Proprio per rispondere a questo interrogativo, molti professionisti si stanno dotando di una certificazione professionale che attesta la qualità dei servizi offerti. In Italia sono già oltre 80 mila i lavoratori che possono esibire questo “bollino di qualità”, ma molti altri sono in lista per conseguire questo riconoscimento valido a livello internazionale. Questa certificazione non è obbligatoria, ma offre ai professionisti che lo ottengono la possibilità di vendere in maniera qualificata i propri servizi in Italia e all’estero, dando al tempo stesso la garanzia al cliente di essersi rivolto ad un professionista competente.

Il lavoratore che intende ottenere il bollino deve rivolgersi ad un organismo riconosciuto da Accredia, al momento l’unico ente nazionale che può accreditare i certificatori. Di solito viene chiesto di seguire un corso di formazione che prepara all’esame, che a seconda delle professioni può essere teorico o pratico. La spesa per la prima certificazione si aggira tra i 600 e gli 800 euro, ma ogni anno va verificata e ogni tre anni rinnovata, per un totale di altri 300 euro all’anno.

Solitamente queste professioni offrono buone prospettive di guadagno; questo, unitamente al fatto di non dover sostenere un esame per accedere ad un ordine professionale, attira sempre più lavoratori, soprattutto di giovani età.
Tra le attività lavorative senza albo professionale più invitanti dal punto di vista economico c’è quella dell’amministratore di condominio, che – secondo le tariffe suggerite dall’Associazione Nazionale Amministratori di Immobili – può guadagnare circa 220 euro mensili a condominio. Moltiplicando questa cifra per una quindicina di condomini si arriva ad una cifra mensile di tutto rispetto.
I tributaristi, cioè coloro che calcolano le tasse dovute al fisco da un’azienda sulla base di introiti e fatturato, arrivano a guadagnare tra i 30 mila e i 50 mila euro annui a seconda della posizione ricoperta; buone prospettive economiche anche per i patrocinatori stragiudiziali, che valutano le pratiche di risarcimento a persone danneggiate.

Compito degli ispettori è invece quello di valutare ogni aspetto di un’azienda, segnalando eventuali problemi e suggerendo come risolverli; il tutto per un compenso annuo che varia dai 40 mila ai 100 mila euro. Quarantamila euro annui è il minimo annuale anche per la figura professionale dell’auditor, un consulente esperto nel valutare i dati contabili delle aziende e nel dare suggerimenti relativi a strategie di ottimizzazione del lavoro, tagli di spesa e debolezze strutturali.
Chi predilige lavori manuali può dedicarsi al mestiere di saldatore, cioè un lavoratore specializzato che lavora con il metallo: deve saper saldare qualsiasi materiale e anche essere in grado di gestire documenti tecnici. Il suo stipendio è più alto del 50% circa rispetto a quello degli altri operai, e si arrivano a percepire anche 3 mila euro al mese.

Crea il tuo sito ecommerce
Scegli le nostre soluzioni e realizza il tuo nuovo ecommerce!

Consulenza per l’ecommerce
Richiedi una consulenza ai nostri esperti per il tuo sito ecommerce.

Checkup sito ecommerce
La nostra analisi tecnica ti offrirà una panoramica oggettiva delle criticità che stanno rallentando le tue vendite.

Promuovi il tuo sito ecommerce
Se vuoi che i tuoi potenziali clienti finalmente scoprano il tuo negozio e possano sceglierlo per i propri acquisti, scegli un partner professionale ed esperto per realizzare le tue campagne pubblicitarie. Dai finalmente visibilità al tuo brand!

Finanziamenti ecommerce
Questo è il momento giusto. Approfitta delle preziose opportunità proposte dalle Camere di Commercio, dalle Regioni, dal MISE e dalla Comunità Europea per ricevere un finanziamento a fondo perduto o a tasso agevolato.

Formazione per l’ecommerce
Scopri subito se puoi accedere gratuitamente ai piani di formazione finanziata, nazionali e regionali, e migliora in poco tempo le tue competenze nel settore dell’ecommerce.

Questo articolo ti è stato utile?

Clicca sulle stelle per valutare l'articolo!

Siamo spiacenti che questo articolo non sia stato utile per te!

Con il tuo aiuto possiamo migliorarlo.

Puoi indicarci come?

Altri articoli che potrebbero interessarti