MENU
POTENZIA
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
whiteBorder
POTENZIA
Soft skills: quali sono e come potenziarle
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Soft skills: quali sono e come potenziarle
Il curriculum chiama, che sia nel classico -e a tratti noiosi- formato europeo, oppure frutto di ore creative appresso a InDesign. Questo benedetto CV va compilato e, tra le tante terrificanti voci ci sono anche le fantastiche soft skills. Una di quelle definizioni per cui utilizziamo un’espressione inglese e che, in italiano, potrebbero esser tradotte con “competenze trasversali”. Chiamiamole pure soft skills allora - così come tutti le definiscono dagli anni ’60 in poi - ma parlare anglofono non può nascondere il fatto che bisogna capire sul serio che cosa rispondere quando ai colloqui ci chiedono di raccontarle. Ecco un aiutino concreto.

Tutto quello che volevate sapere sulle soft skills

Un argomento davvero attuale quando si parla di domanda e offerta di lavoro. Sono richieste ed è bene sapersi valorizzare attraverso l’esposizione di queste caratteristiche personali -che poi faranno ci si augura, di ciascuno di voi il candidato ideale per esser assunti -. La nuova tendenza del business infatti, è quella di dar grosso valore a queste famose competenze trasversali nella selezione dei futuri collaboratori.

Bene, avete capito che sono essenziali

Ma quindi cosa sono esattamente le soft skills?

Se avete seguito il modus operandi classico dei “giovani d’oggi” – leggi Millennials – allora avete già digitato soft skills sulla barra di ricerca e Google translator vi ha restituito un assurda traduzione “abilità morbide”. Ok, lasciate perdere. Ricominciamo da capo.

Le soft skills sono tutte quelle competenze specifiche che un individuo deve possedere in funzione a una migliore interazione con i colleghi, sul luogo di lavoro ma anche al di fuori dell’ufficio. Attenzione: non si tratta di conoscenze traducibili in pratiche tecniche: non devi esser un ingegnere aerospaziale per lavorare in gruppo.

Per intenderci: la capacità di montare e rimontare un lavandino bendati, è qualcosa che ricade più nella categoria delle hard skills. Invece, fare la medesima operazione coordinando un intero team di idraulici e affrontando mille appuntamenti accatastati durante la stessa mattina, con lo spirito da guerriero e il sorriso di Budda…queste sì, sono soft skills.

Dati alla mano

Se ancora non fosse chiaro, secondo lo Standford Research Institute International, guardando sul lungo termine, ben il 75% del successo di un impiego deriva dalla capacità di gestire le proprie soft skills. Al contrario – stupirà saperlo – solo il 25% da competenze tecniche influenzano lo stesso parametro. Una pratica dimostrazione del fatto che le abilità trasversali sono fondamentali in qualsiasi ambito professionale.

Certo, il fatto che il mercato del lavoro si stia continuamente evolvendo, getta un’ombra su quelle competenze tecnico specialistiche (o hard skills) che fanno la differenza tra un geometra e un architetto. di fronte a questa confusione per cui a un certo punto, un laureato in filosofia finisce per esser un “sustainability expert”, la rivincita delle soft skills è il futuro.

Il punto fermo del mondo del lavoro

In qualunque contesto lavorativo in cui si decide di inserirsi, le soft skills quindi sembra che ormai siano quel “quid” in più che spinge le risorse umane a scartare il cv di un candidato rispetto a quello di un altro. Vuoi esser tu il prescelto che supererà il primo, il secondo e persino il terzo step?

Allora, insieme all’outfit da businessman, ecco ciò che ti sarà utile portare al colloquio: empatia, intelligenza emotiva, creatività, capacità di collaborare e comunicare. E queste sono solo la punta dell’iceberg.

Ancora qualche dato confortante

Uno studio condotto da Linkedin che ha interpellato i professionisti delle risorse umane, afferma che le soft skills sono ora più importanti che mai. Al punto che l’80% degli intervistati ha dichiarato che sono sempre più rilevanti per il successo aziendale. Mentre l’89% ha sottolineato che tra i peggiori collaboratori esisteva un tratto in comune: la mancanza di soft skills.

Un’arma a doppio taglio

Ricordiamoci che non esistono solo i datori di lavoro, ma anche il punto di vista degli stessi lavoratori. I dipendenti infatti, proprio in virtù delle proprie competenze trasversali, ormai pretendono di più dalle organizzazioni per cui lavorano. Un’altra indagine globale a tal proposito, sempre condotta da Linkedin, ha coinvolto 5.000 professionisti delle risorse umane e manager. Il risultato sono state le quattro tendenze che influenzeranno i prossimi anni il mondo del lavoro all’interno delle aziende, che sono: soft skills (91%), flessibilità lavorativa (72%), cultura anti-molestie (71%), trasparenza retributiva (53%).

11 soft skills che tutti dovrebbero avere

Comunicazione – Un aspetto non importante, di più: innanzitutto perché è utile in qualsiasi contesto lavorativo, perché è essenziale sapersi relazionare con colleghi, clienti, referenti e utenti finali. Insomma, dovreste esser capaci di esprimervi. E questo non significa esclusivamente saper parlare come Umberto Eco, ma saper intuire quando cambiare registro a seconda dell’interlocutore che si ha di fronte. Per esser il più efficaci possibili a veicolare il messaggio e magari raggiungere qualche obiettivo.

Non dimenticate che il tempo per interagire a livelli di Dante Alighieri o di Maria De Filippi -aulico VS familiare- è anche quello della scrittura: un’email deve esser corretta non solo dal punto di vista ortografico, grammaticale e sintattico. Ma deve, ancora una volta, esser ben costruita a seconda dello scopo finale: negoziare? presentarsi? Qualsiasi esso sia, è necessario esser versatili.

Secondo punto: l’empatia – Che non è quella “roba da donne” che normalmente si associa alla sensibilità di una trentenne incinta che guarda Bridget Jones. Piuttosto è quell’utilissima abilità di entrare in contatto con i sentimenti del prossimo, esser capaci di comprendere a fondo la condizione degli altri. Vedela così: è la forma più fine della comunicazione. Attualmente, un super potere molto apprezzato all’interno di qualsiasi posto di lavoro, perché è un ottimo plus per facilitare la vita di tutti in azienda. Chi è empatico può influenzare positivamente un intero gruppo e orientarlo verso la risoluzione di situazioni spinose e di conflitti di qualsiasi tipo.

Come dice meglio Satya Nadella, CEO di Microsoft. ‘Il nostro core business è collegato ai bisogni dei clienti e non riusciremo a soddisfarli se non abbiamo un profondo senso dell’empatia’.

Arriviamo a un altro aspetto che quando eravate al liceo tutti i prof di scienze snobbavano: la creatività.

Che, ancora una volta, non è un tallone d’achille di tutti i burocrati del domani. Di solito questa caratteristica è sinonimo di talento artistico. Espressa non solo attraverso gli schizzi su un blocco da disegno, ma concretizzabile nei mestieri di design, di progettazione, di parecchie forme di comunicazione. E, soprattutto, la creatività può trovare modo di esprimersi in tantissimi ambiti: che si tratti di intentare un nuovo prodotto o di risolvere dei nodi critici.

Flessibilità o versatilità

Esser pronti a cambiare, mettersi in gioco aggiornadosi di continuo e magari abbracciare le novità: ecco cosa cercano le aziende.

Dall’altra parte è importante anche possedere un certo pensiero critico. E quindi esser in grado di guardare una situazione da un punto di vista diverso, affrontando le criticità in maniera originale. Avere insomma, le soluzioni più efficaci a portata di mano. Le stesse che altri non avrebbero neppure immaginato.

Poi arrivano le cosiddette abilità interpersonali. Una sorta di lotta contro se stessi: infatti, quante volte siamo i primi a metterci i bastoni tra le ruote quando ci esponiamo? Essenziale invece è l’esser in grado di presentarsi positivamente, ispirare simpatia e affidabilità, trasmettere entusiasmo. Essere socievoli e sicuri di sé. Tutte queste belle cose, migliorano il clima sul posto di lavoro.

Il candidato ideale deve poi mostrare un forte senso di responsabilità

Che spesso coincide con il saper prendersi la colpa del capo…no, a parte gli scherzi. Portare a termine i compiti affidati rispettando scadenze e modalità è una risorsa significativa. Disciplina e buon senso, sono gli spiriti guida del dipendente perfetto.

Arriviamo a un punto dolente: lo stress

Tutti ne soffrono e in molti ambienti professionali è una certezza quanto il sorgere del sole ogni giorno. Quindi, saper gestire le situazioni ad alto rischio di panico non è una capacità, ma un must have. Mantenere la calma in tempo di guerra: il segreto per scalare la gerarchia aziendale.

L’essere leader: e non significa farsi spuntare un baffetto nazista e girare in divisa armati di frusta

Si intende piuttosto l’aspetto più carismatico custodito da ognuno di noi. Il coraggio di prendere decisioni e fronteggiare dei rischi. Saper orientare delle strategie precise, capire quando delegare e quando invece assumere il controllo. Soprattutto, motivare e valorizzare il lavoro dei colleghi.

E, a proposito di collaborazione, è essenziale anche saper lavorare in team. Tanti lavori hanno le loro fondamenta sulla forza del gruppo. Se siete tipi solitari, è ora di aprirsi alla cooperazione.

In questo senso, è utile possedere una spiccata etica del lavoro. Ovvero una serie di abilità utili anche per un matrimonio: capacità di impegnarsi, esser disponibili e leali, mantenere alta la motivazione, esser aperti alle critiche e mostrarsi collaborativi.

E ora che sapete quali sono gli ingredienti segreti per raggiungere il vostro dream job, non vi resta che mettervi a lavoro e iniziare a lavorare sulla risorsa più importante: voi stessi.

Simonetta Spissu

STANNO CERCANDO TE!
LIBRI CONSIGLIATI

Questo articolo ti è stato utile?

Clicca sulle stelle per valutare l'articolo!

Siamo spiacenti che questo articolo non sia stato utile per te!

Con il tuo aiuto possiamo migliorarlo.